rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Si è spento il "ciclone" della Brigata Matteotti, muore a 99 anni il partigiano Santino

Santo Santino, originario di Gratteri e protagonista della Resistenza sul Grappa, è deceduto a Livorno dove ormai viveva da tempo. Memorabile l'intervento suo e dei suoi compagni che assaltarono un camion tedesco per liberare i prigionieri italiani diretti in un lager nazista

Muore a 99 anni uno degli uomini simbolo della Resistenza sul Grappa. Si è spento a Livorno il partigiano Santo Santino al quale nel tempo, per via del suo temperamento irruento, era stato dato l'appellativo di "Ciclone". Santino faceva parte della Brigata Matteotti e nel '43, dopo aver abbandonato l'incrociatore Arborea nel porto di Durazzo, decise insieme ad altri compagni di percorrere la strada della Resistenza.

Il suo gruppo si dedicava soprattutto agli atti di sabotaggio: di uno di questi aveva parlato anche Radio Londra quando, vicino ad Assago, Santino e il suo gruppo assaltarono un camion tedesco e liberarono diversi prigionieri italiani che stavano per essere condotti in un lager nazista. Di questa e di altre battaglie Santino portava testimonianza pubblica quando tornava nel suo paese natale, Gratteri, un piccolo centro sulle Madonie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si è spento il "ciclone" della Brigata Matteotti, muore a 99 anni il partigiano Santino

PalermoToday è in caricamento