Lacrime e messaggi in rima, il mondo del rap a lutto per la morte del palermitano Jamba

Giuseppe "Jamba" Giambertone si è spento a Londra - dove ormai si era trasferito da tempo - nel reparto di terapia intensiva di un ospedale. Atteso l'esito del tampone per Covid-19. Davide Shorty: "Mancherai fratello. Rap in peace Jamba"

Giuseppe "Jamba" Giambertone, 38 anni

Decine, forse centinaia, di messaggi di cordoglio sui social, qualcuno anche in rima, per la morte di Giuseppe "Jamba" Giambertone. Il mondo dell’hip hop e del rap palermitano è a lutto per la morte del 38enne nato a Palermo e cresciuto nella zona della Fiera, da qualche anno trasferitosi a Londra (Regno Unito). Jamba si è spento nel reparto di terapia intensiva di un ospedale britannico dove i medici avrebbero eseguito anche il tampone per il Covid-19. Ancora atteso l'esito dell'accertamento.

Giuseppe Giambertone, oltre ad essere un nome conosciuto negli ambienti musicali locali (e non) in quello dei movimenti underground, era anche uno dei tanti palermitani che amavano la propria terra dalla quale erano "fuggiti" in cerca di un futuro migliore, portando nel cuore e nei testi le proprie origini siciliane anche attraverso le sue numerose produzioni. Tante le collaborazioni con altri colleghi dello scenario musicale dell’Isola.

La recente militanza nella crew Rap Pirata fondata da Inoki, i lavori condivisi con Stokka & Buddy, il sodalizio con Bras nei Dual Shok agli inizi del terzo millennio, prova di oltre 20 anni di attività e di amore per il rap, che con il suo singolo Working Class (classe operaia, ndr) cantava quella che per i suoi amici era una delle sue maggiori doti: sapere mantenere la schiena dritta mostrando la dignità di un grande lavoratore.

Uno dei suoi ultimi video su Instagram @jambapalermo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quando Dio creo il mondo in un flash creò me, discepolo perfetto, disciplina rap!", scrive sui social un altro artista palermitano come Davide Shorty. "Umile e buono e sempre infottato. Flow eternamente fresco - commenta - e una voce che ti perfora. Mancherai fratello. Fa male, ma rinasceremo. Rap in peace Jamba".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oggi ho perso un fratello, una delle persone più importanti della mia vita. Una figura sempre positiva, amata e stimata da tutti - dice Andrea "Bras" Fisicaro, un altro artista del Palermitano - che ha fatto crescere in maniera esponenziale la musica rap e la cultura hip hop a Palermo. Oggi è morto un guerriero ma la lotta continua”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento