Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

La messa al Foro Italico e la preghiera davanti alla stele di Capaci: a Palermo l'unica visita di papa Benedetto in Sicilia

Joseph Ratzinger, morto oggi a 95 anni dopo una lunga malattia, fece tappa in città il 3 ottobre 2010. Dopo aver ricordato le vittime della mafia, come Falcone, Borsellino e padre Puglisi, incitò i giovani a non avere paura della criminalità organizzata: "E' una strada di morte, incompatibile con il Vangelo"

E' morto Joseph Ratzinger, papa Benedetto XVI. Aveva 95 anni. Salito al soglio pontificio il 19 aprile 2005, si era dimesso nel 2013 lasciando il posto a Bergoglio. 

Il papa emerito è deceduto oggi alle 9,34 nel monastero Mater Ecclesiae in Vaticano dopo una lunga malattia. Dalla mattina di lunedì 2 gennaio il suo corpo sarà nella basilica di San Pietro per il saluto dei fedeli.

Benedetto XVI, 265esimo papa della Chiesa cattolica e vescovo di Roma, settimo sovrano dello Stato della Città del Vaticano, il 3 ottobre 2010 venne in visita pastorale a Palermo. L'unica in Sicilia durante il suo pontificato. Quel giorno, oltre 200 mila fedeli - giunti da ogni parte dell'Isola - seguirono la messa del Santo Padre sul prato del Foro Italico. Il Pontefice raggiunse la "marina" attraversando la città a bordo della papamobile.

Dopo aver ricordato le vittime della mafia, come don Pino Puglisi, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, incitò i giovani a non avere paura della criminalità organizzata. "A Palermo, come anche in tutta la Sicilia - disse Papa Ratzinger durante l'omelia, parlando 17 anni dopo lo storico monito alla mafia di Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi - non mancano difficoltà, problemi e preoccupazioni: penso, in particolare, a quanti vivono concretamente la loro esistenza in condizioni di precarietà, a causa della mancanza del lavoro, dell’incertezza per il futuro, della sofferenza fisica e morale" e "a causa della criminalità organizzata".

Nel pomeriggio incontrò i giovani in piazza Politeama. E disse la frase più forte contro la mafia: "Non cedete alle suggestioni della mafia, che è una strada di morte, incompatibile con il Vangelo". Al termine della visita, tornando verso l'aeroporto, nonostante non facesse parte del programma ufficiale, il Pontefice chiese di fermarsi davanti alla stele che ricorda la strage di Capaci per deporre una corona di fiori e pregare in silenzio per tutte le vittime della mafia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La messa al Foro Italico e la preghiera davanti alla stele di Capaci: a Palermo l'unica visita di papa Benedetto in Sicilia
PalermoToday è in caricamento