Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

E' morto Micha van Hoecke, coreografo di fama mondiale: lavorò anche a Palermo

A cavallo dei due secoli era stato nominato direttore del ballo e coreografo principale del Teatro Massimo. Si è spento ieri sera all'ospedale di Massa all'età di 77 anni

Il ballerino, coreografo e regista belga Micha van Hoecke, tra i protagonisti di fama mondiale del 'teatro di danza' e con un passato a Palermo, è morto ieri sera all'età di 77 anni all'ospedale di Massa in seguito ad un tumore che gli era stato diagnosticato alcuni mesi fa. L'annuncio della scomparsa è stato dato all'Adnkronos dalla moglie, la ballerina giapponese Miki Matsuse. Il grande coreografo amava l'Italia e da oltre trent'anni aveva stabilito la sua residenza a Rosignano Solvay, in provincia di Livorno. Tra i vari incarichi in Italia, Micha van Hoecke è stato direttore del corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma e del Teatro Massimo di Palermo. Importante anche la sua lunga collaborazione con Cristina Muti al Ravenna Festival.

Nato a Bruxelles il 22 luglio 1944 da madre russa e padre belga, Micha van Hoecke oltre 20 anni fa era stato nominato direttore del ballo e coreografo principale del Teatro Massimo di Palermo e nel periodo 2010-2014 è stato direttore del corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma. Nel 2015 per Teatro Vittorio Emanuele di Messina ha creato "Comme un souvenir".

Oggi anche il Teatro Massimo piange la scomparsa di Micha van Hoecke, artista e coregrafo dalle straordinarie qualità professionali e umane, indimenticabile direttore del Corpo di ballo del Teatro dal 2000 al 2002. Nel suo straordinario percorso, a partire dagli esordi a Parigi con la Compagnia di Roland Petit e con il Ballet du XXe siècle di Maurice Bejart, sono tante le collaborazioni con le più grandi interpreti, da Carla Fracci a Ute Lemper, a Luciana Savignano, e con grandi registi come Luca Ronconi, Liliana Cavani, Claude Lelouch, Roberto De Simone. Le sue coreografie sono state presentate nei teatri e nei festival più importanti: dal Teatro dell’Opera di Roma, alla Scala di Milano, dal Teatro Massimo di Palermo al San Carlo di Napoli, al Festival di Avignone. Nel 2002, per I sette peccati capitali di Bertolt Brecht, su musiche di Kurt Weill, coprodotti dal Teatro Massimo di Palermo, riceve il Premio Danza & Danza per la migliore coreografia, e viene chiamato a realizzare le coreografie di Ifigenia in Aulide, con la direzione di Riccardo Muti, a cui lo legava un particolare sodalizio, che inaugura la stagione del Teatro alla Scala di Milano.

“La scomparsa di Micha van Hoecke produce grande dolore in quanti lo abbiamo conosciuto ed apprezzato e ricorda il prestigioso cammino del Teatro Massimo sin dalla sua riapertura – afferma Leoluca Orlando, presidente della Fondazione Teatro Massimo e Sindaco di Palermo. Micha van Hoecke ha donato al nostro Teatro e alla nostra città la leggerezza della sua forte sensibilità artistica e di una grande professionalità”.

“Uno straordinario compagno di viaggio – aggiunge il sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo Francesco Giambrone. Una personalità geniale, intelligente e generosa, dotata di un carattere fortemente riconoscibile e incredibilmente versatile. I suoi anni alla direzione del Corpo di ballo del Teatro Massimo hanno segnato un tempo di rilancio, di scommessa, di crescita fondamentale. Univa alla grandissima personalità di direttore e coreografo, innovativo e attento ai linguaggi del contemporaneo, una qualità umana di grande profondità e di tenera dolcezza. Un maestro che ha dato tantissimo al mondo della danza, che ha amato profondamente il nostro teatro, tanto da considerarlo una delle sue case artistiche più importanti. E il Teatro lo ha ricambiato con altrettanto amore e riconoscenza. Tutti noi perdiamo un amico caro e una guida affettuosa, un maestro capace di affrontare col sorriso le sfide più grandi. Oggi è un giorno molto triste per tutti noi”.

“La creatività meravigliosa e delicata di Micha van Hoecke, sensibile e potente come un volo sul mondo, restituiva nei suoi lavori un respiro di profondità e umanità - dichiara Marco Betta, direttore artistico del Teatro Massimo. Una visione sublime, la sua danza, con la musica in un’unica vibrazione. Il suo sorriso resta dentro. La “Dernière danse” non sarà l’ultima caro Micha, sarà sempre tutto un danzare”

“Ho conosciuto Micha van Hoecke solo per interposta persona: attraverso l'entusiasmo, l'affetto e la profonda stima di molti dei miei colleghi, anche illustri, verso di lui – aggiunge Davide Bombana, direttore del Corpo di ballo del Teatro Massimo. Dai loro commenti entusiastici trapelava un'artista di grande carisma, raffinata cultura e profondo senso del teatro. Un vero trascinatore che con il suo fascino ed energia riuscì, oltre che fondare una propria Compagnia, a realizzare innumerevoli titoli di danza con il Corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo al quale lui era particolarmente legato. Di persone appassionate e generose l'arte della danza, per sopravvivere e continuare a fiorire, ne ha più che mai bisogno, per cui grazie Micha per l'entusiasmo e lo spirito che sei riuscito ad infondere in tutti quelli che ti hanno accostato nel tuo cammino e nei quali la tua scomparsa lascerà un incolmabile vuoto”.

Micha van Hoecke arriva a Palermo nel 1997 come coordinatore per il ballo del Teatro Massimo di Palermo e avrà l’incarico di curare le coreografie di Aida, opera con cui il teatro riapre nel 1998.  Nel 2000 è chiamato dal sovrintendente Francesco Giambrone a ricoprire l’incarico di direttore del Corpo di ballo e coreografo principale del Teatro Massimo di Palermo, la prima volta per lui come direttore di un Corpo di ballo di una Fondazione. Tra le sue più amate coreografie di quegli anni: Les mariés de La tour Eiffel - A Paris nel 2001, Carmina Burana - Isola nel 2000, I sette peccati capitali con Ute Lemper insieme all'omaggio a Massine nel 2002, l'Histoire du Soldat al Politeama per il progetto Milloss nel 2000. In Sicilia firmerà anche la regia e la coreografia di “le Troiane” da Euripide e Seneca, nel 1999, al Teatro Stabile di Catania e nel 2015 per il Teatro Vittorio Emanuele di Messina crea Comme un souvenir, La Pastorale di Beethoven con la collaborazione del Teatro Nazionale di Belgrado.
 
Nel 2019 ha presentato al Teatro Massimo di Palermo la sua ultima coreografia Pink Floyd - Atom Heart Mother, in cui era affiancato dalla compagna e coreografa Miki Matsuse, un racconto autobiografico del suo arrivo a Parigi da giovane, la scoperta della libertà, anche grazie alla musica dei Pink Floyd, ma anche il rapporto con la bellissima madre, con il padre, affascinante seduttore, con la sorella gemella Marina, alla quale la creazione era dedicata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Micha van Hoecke, coreografo di fama mondiale: lavorò anche a Palermo

PalermoToday è in caricamento