Muore una donna a Lecce, ma non per il Coronavirus: il fegato finisce a Palermo

L'emergenza Covid-19 non ferma i trapianti al Policlinico di Bari: il Centro Regionale Trapianti pugliese ha messo in moto la macchina organizzativa effettuando un prelievo multiorgano all'ospedale Panico di Tricase, che ha coinvolto anche l'Ismett di Palermo

Una vita salvata a Palermo grazie a un trapianto di organi. L'emergenza Covid-19 non ferma i trapianti al Policlinico di Bari dove si continua a operare. Sabato scorso due vite sono state salvate a Palermo e Bari. Il Centro Regionale Trapianti pugliese ha messo in moto la macchina organizzativa effettuando un prelievo multiorgano (fegato e reni) all'Ospedale 'Panico' di Tricase, in provincia di Lecce, rispettando i protocolli di sicurezza  per evitare il contagio da Sars-Cov-2. Al Policlinico di Bari è stato  effettuato il trapianto di entrambi i reni su una donna di 64 anni del capoluogo pugliese, mentre il fegato è stato donato per il trapianto all'Ismett di  Palermo.

Il trapianto di reni è stato eseguito dall'equipe del professor Michele Battaglia presso le cliniche chirurgiche del padiglione 'Rubino'. L'idoneità degli organi è stata certificata dall'anatomia patologica dell'ospedale 'Panico' che ha eseguito anche i tamponi orofaringei e il prelievo Bal per escludere infezione da virus Sars-Cov-2 nel donatore, una donna di 75 anni deceduta. Ed un tampone è stato eseguito anche sul ricevente di rene, una donna di 64 anni di Bari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La struttura a padiglioni del Policlinico di Bari - spiega il direttore generale Giovanni Migliore - ci ha consentito di separare il Covid hospital dagli altri reparti, distinguendo i percorsi di accesso e riducendo i rischi di contagio. Questo permette ai professionisti del nostro ospedale di continuare ad assicurare interventi di elevata specializzazione come i trapianti".  "Dobbiamo continuare a sperare - conclude il coordinatore del Centro  regionale trapianti, professor Loreto Gesualdo - Un grazie di vero cuore va  a tutte le donne e tutti gli uomini della nostra sanità che in questo  momento di emergenza nazionale sono riusciti a dare il meglio di loro  stessi. Ringrazio il professor Michele Battaglia per la sua grande  professionalità di chirurgo. Un grazie speciale a Suor Margherita Bramato e al direttore Giovanni Migliore per aver messo a disposizione tutte le loro energie e i loro professionisti affinché questo intervento potesse essere eseguito in sicurezza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento