Schiacciato da un cassone: morto operaio edile a San Cipirello

La vittima è Giuseppe Ciziceno, 54 anni, di San Giuseppe Jato. L'uomo ha perso la vita mentre si trovava in un deposito. Si tratta dell'ennesima tragedia sul lavoro nel Palermitano

Si allunga la lista delle morti sul lavoro nel Palermitano. Un operaio edile, Giuseppe Ciziceno, 54 anni, di San Giuseppe Jato, è morto a San Cipirello questa mattina, intorno alle 10.30. Ciziceno era un operaio di una ditta che si occupa dei servizi locali di raccolta dei rifiuti. L'uomo si trovava nel deposito dei mezzi dell'azienda in corso Trento. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, mentre stava alzando il cassone di un furgoncino Piaggio Porter, per cause ancora da accertare, è rimasto schiacciato tra lo scarrabile e la matrice.

L'operaio, che era in regola, è morto sul colpo. I sanitari del 118, immediatamente intervenuti, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo. Sul posto il medico legale. Indagano i carabinieri, anche loro intervenuti poco dopo in corso Trento. Solo ieri a Balestrate si sono celebrati i funerali di un'altra vittima del lavoro, Francesco Paolo Agrusa, operaio ventiseienne colpito a morte da un attrezzo caduto giù da un’impalcatura, a Corleone, mentre stava effettuando alcuni lavori sulla rete elettrica.

“Un altro lavoratore ha perso la vita oggi, non è accettabile, la sicurezza e la tutela della salute nei luoghi di lavoro sono condizioni essenziali e irrinunciabili”. Cosi Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani e Dionisio Giordano segretario generale Fit Cisl Sicilia commentano l’ennesimo incidente sul lavoro in cui ha perso la vita il 54enne mentre si trovava nel deposito mezzi della ditta che si occupa dei servizi di raccolta rifiuti in alcuni comuni del palermitano.

“Siamo vicini ai familiari e ai colleghi dell’operaio. Le indagini chiariranno meglio la dinamica. Bisogna alzare il livello di guardia, aumentare la prevenzione e quindi i controlli e rendere i luoghi di lavoro sempre più sicuri. Si tratta della terza vittima in una settimana nella provincia di Palermo, è davvero troppo”.

Il segretario generale Fit Cisl Sicilia Giordano, aggiunge: “Negli ultmi anni nel settore rifiuti abbiamo assistito alla comparsa di due fenomeni, da un lato gare con importi a base d’asta fuori mercato che comportano la partecipazione di ditte improvvisate, e dall’altro l’aggiudicazione di gare per il servizio di raccolta con ribassi decisamente anomali ad aziende che spesso non pagano le retribuzioni e figuriamoci i costi per la sicurezza e la tutela dei lavoratori”. Secondo il segretario generale Cisl Palermo Trapani La Piana, “a questo punto appare necessario  attivare il tavolo in Prefettura per discutere di azioni concrete che vadano nella direzione del rispetto della dignità del lavoro, della tutela e della prevenzione e della legalità”.

 . 

 

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • Incidente sulla Palermo-Catania, si ribaltano due mezzi: una ferita

Torna su
PalermoToday è in caricamento