menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Biagio Lo Verde sul suo sulky

Biagio Lo Verde sul suo sulky

Lutto nel mondo dell’ippica, morto il driver Biagio Lo Verde

Si è spento all'età di 55 anni uno degli sportivi che nel suo settore ha fatto la storia dell'ippica. Tanti i messaggi di cordoglio arrivati sui social: "Un uomo serio, un grande professionista"

Se n’è andato uno degli "ultimi signori dell’ippica", come lo definiscono i suoi tantissimi fan. E’ morto all’età di 55 anni Biagio Lo Verde, driver che ha rappresentato la storia palermitana di questo sport, facendo emozionare e gioire i suoi seguaci a bordo del suo sulky. In tanti, attraverso i social, hanno voluto dedicargli qualche parola, ricordando alcuni dei momenti trascorsi insieme. Anche dalla pagina ufficiale dell’Ippodromo La Favorita mandano un ultimo saluto a Biagio: “Una notizia terribile ha scosso il mondo dell'ippica nazionale. In questo doloroso momento siamo vicini ai familiari porgendo le nostre più sentite condoglianze. Riposa in pace grande uomo".

Con i cavalli della sua scuderia, che gestiva con il figlio Gaspare, Davide Di Stefano e Francesco Croce, ha girato decine di ippodromi in tutta Italia, da Modena a Siracusa. Per mantenere alto il suo rendimento e allenarsi con maggiore costanza, Lo Verde allestì un centro ad Ardea, vicino Roma. «Fu una decisione sofferta - si legge nella sua fan page - e rischiosa, per gli impegni economici ed il gravame lavorativo che comportava, e non nego di avere anche in qualche momento pensato che fosse stato un azzardo. Per fortuna, grazie al grande lavoro di tutti, i risultati sono arrivati e indietro ormai non si torna. Una trentina di cavalli ad Ardea, un'altra trentina a Terrasini, vicino Palermo, con la possibilità di spaziare in varie piazze”.

biagio lo verde-2In tanti hanno affidato ai social un ultimo saluto al driver (nella foto a destra) considerato un "colosso dell’ippica mondiale", come lo definisce Marco Busalacchi. "Quando l'ho conosciuto - scrive Giuseppe Dechiari - avevamo entrambi 16 anni. Io ero uno studente che saltava le lezioni per andare all' ippodromo e lui già lavorava come artiere da Vincenzo Di Meo.  I traguardi che ha saputo raggiungere sono incredibili, non è retorica parlare di lui come di un uomo che si è fatto da se”.

E ancora: "Gran lavoratore, allenatore e driver, che con impegno - dice Ony Valenti - e dedizione ha saputo portare la nostra ippica sempre ai massimi livelli". "A una persona che ha realizzato cavalli - spiega invece Alessio Barone - portando i colori della Sicilia, sopratutto Palermo, in tutta Italia e oltre. Ti ricorderò sempre. Il giro con Papagayo, le vittorie di Obeika, la prima volta in trasferta con Tinak Mo". Messaggi di cordoglio arrivano anche al di fuori dell’isola: "L’ippodromo di Cesena ti ricorderà sempre. Vigilerà da lassù tutto il mondo dell'ippica a cui ha voluto un gran bene. Un uomo serio, un grande professionista", scrive Urbano Santandrea.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento