rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Misilmeri

Morto a Misilmeri Giusto Sucato, l’artista che traeva linfa vitale dalle discariche

Si è spento all'età di 65 anni. Recentemente aveva esposto le sue opere, fatte con materiali riciclati, al Museo delle arti e dei mestieri di Cosenza. "Quando vedo un reperto abbandonato già immagino come lo modificherò"

Si è spento l’artista capace di giocare con la memoria e dare una seconda vita a chiodi, attrezzi agricoli e pezzi di metallo. Nella notte è morto Giusto Sucato, pittore e scultore di Misilmeri di 65 anni che durante la sua intera esistenza è stato capace di studiare dai grandi del passato e comunicare forti emozioni concentrandosi sulla ricerca della materia e l’analisi degli oggetti, con un occhio di riguardo sulla civiltà contadina.

Per Sucato le discariche erano delle miniere inesauribili di materie prime da cui trarre linfa vitale. "Quando vedo un reperto abbandonato - aveva dichiarato lo scorso aprile all’Ansa - già immagino come lo modificherò". Recentemente l’artista di Misilmeri aveva esposto alcune delle sue opere (una nella foto a destra) presso il Museo delle arti e dei mestieri di Cosenza con la mostra "Panorama Italiano" che, dopo aver riscosso un grande successo, è stata inaugurata anche a Morano Calabro, nel Castello Normanno Svevo.

opera giusto sucato-2Nella sua lunga carriera ha studiato Pablo Picasso, incontrato Renato Guttuso e collaborato con Francesco Carbone, con il quale lavorò alla realizzazione del museo ento-antropoligico "Godranopoli". "Ci ha lasciato un amico, un artista che ha tracciato una bella pagina di arte contemporanea. Con Marcello Scorsone e il gruppo dello Studio 71 eravamo stati con lui l'anno scorso per ricordare Francesco Carbone", scrive Alessandro Bronzini sulla sua pagina Facebook.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a Misilmeri Giusto Sucato, l’artista che traeva linfa vitale dalle discariche

PalermoToday è in caricamento