Cronaca

In Sicilia si muore di lavoro (più di un anno fa): 39 vittime nei primi sette mesi del 2019

E' questo il tragico quadro emerso dai dati Inail pubblicati sul sito del Centro Pio La Torre: tredici decessi in più rispetto al 2018. Gli infortuni sono aumentati in modo significativo a Palermo, Messina, Ragusa e Trapani: 516 nella classe d'età compresa tra i 55 e 69 anni

In Sicilia, nei primi sette mesi del 2019, ci sono state tredici morti bianche in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Trentanove in tutto, di cui 29 nell'industria e servizi, otto in agricoltura e due nel pubblico impiego. Ad essi vanno aggiunti, tra agosto e la prima decade di settembre, gli incidenti con esito fatale di Randazzo, Alcamo e Polizzi Generosa. Una vera e propria strage. E' quanto emerge dai dati Inail pubblicati sul sito del Centro Pio La Torre. Gli infortuni sono aumentati in modo significativo a Palermo, Messina, Ragusa e Trapani: 516 nella classe d'età compresa tra i 55 e 69 anni. 

"Segno, questo - scrive l'economista Franco Garufi - che la famosa 'quota cento' non ha risolto i problemi creati dalla 'legge Fornero' e che lavoratori sempre più vecchi pagano a prezzo più caro le carenze nella sicurezza determinate dai mancati investimenti aziendali, dalla non attuazione dei percorsi formativi pur esistenti e dall'insufficienza delle strutture della Regione addette ai controlli, ispettorati del Lavoro e Asp in particolare". 

"Andrebbero studiati approfonditamente i numeri pubblicati dall'Istituto, soprattutto da coloro che assumono decisioni politiche - continua Garufi - servirebbe a rendersi conto di quanto la mancanza di sicurezza sul luogo di lavoro sia l'altra faccia della fame di lavoro esistente nell'isola. Pur di guadagnarsi un salario si accetta di tutto: sotto-retribuzione, lavoro nero, il rischio di cadere da un'impalcatura precaria in un cantiere non a norma, di finire schiacciato da un carrello in un supermercato oppure di venire ucciso da una trave mal collocata. Non basta più esprimere cordoglio dopo ogni morte. Ora è tempo di rimboccarsi le maniche e di fare di tutto per sottrarre chi lavora al ricatto del rischio come unica alternativa alla disoccupazione".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Sicilia si muore di lavoro (più di un anno fa): 39 vittime nei primi sette mesi del 2019

PalermoToday è in caricamento