Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Quei 124 morti affondati a Isola e le bombe di Palermo: arrivano studenti lettoni e francesi

Il progetto Erasmus promosso dalla scuola Laura Lanza di Carini: attraverso il recupero della memoria storica ragazzi e docenti avranno la possibilità di condividere i valori di fratellanza europea, a partire dal ricordo di due degli eventi più drammatici della storia europea, le due Guerre Mondiali

Casamatta, il fortino militare di Isola delle Femmine

Attraverso il recupero della memoria storica avranno la possibilità di condividere i valori di fratellanza europea, a partire dal ricordo di due degli eventi più drammatici della storia europea, le due Guerre Mondiali, che suo malgrado, però, hanno contribuito a creare quel senso di solidarietà europea che ha dato l’avvio  alla nascita dell’Unione. E' il senso del progetto Erasmus plus promosso dalla scuola Laura Lanza di Carini in collaborazione con BCsicilia e ANFI e che vede protatonisti 40studenti e 10 docenti provenienti da Italia, Lettonia e Francia.

Nella realizzazione di questo itinerario, una tappa fondamentale sarà quella che si svolgerà nel corso del meeting italiano il 3 e il 4 aprile, grazie alla collaborazione dell’associazione BCsicilia di Isola delle Femmine con i suo presidente Agata Sandrone, i collezionisti Michele Nigro, Alessandro Bellomo, Benedetto Salvino, Antonio Muratore e Giancarlo Equizzi, da anni attivamente impegnati con cura e passione nella conservazione e nella condivisione delle memorie di guerra, con la collaborazione di Eliseo Davì del Giornale di Isola.

Nel pomeriggio di domani, 3 aprile, il sodalizio allestirà nel locali del plesso centrale della scuola Laura Lanza- Baronessa di Carini un percorso audio-visivo che contribuirà idealmente a riportare in vita le storie di dolore, di sofferenza, ma anche di amore e profondo attaccamento alla vita di persone comuni che si sono ritrovate catapultati nel vortice della grande storia. In tale occasione sarà possibile visionare cimeli e documenti del periodo, foto uniche che testimoniano i bombardamenti su Palermo e la presenza prima dei tedeschi e poi degli americani nel capoluogo cittadino.

L’evento rappresenterà anche l’occasione, attraverso filmati, documenti e foto, per riportare in superficie dal fondo degli abissi, la tragica storia del Piroscafo Loreto, affondato il 13 ottobre 1942 a Isola delle Femmine in circostanza mai chiarite.

Alla manifestazione parteciperà anche l’Associazione A.N.F.I-Sezione Magg. Macchi Palermo che presenterà delle importanti testimonianze legate alla lontana memoria della Prima Guerra Mondiale ed in particolare il ruolo delle Officine Ducrot nel corso del I conflitto mondiale, documenti sull’accoglienza dei prigionieri di guerra austro-ungarici nel Palazzo D’Aumale di Terrasini e lettere e foto di un militare austro ungarico trovata da un ufficiale italiano nelle trincee nemiche

Nella giornata del 4 aprile, inoltre, Agata Sandrone dell’associazione BCsicilia di Isola delle Femmine e Giancarlo Equizzi cureranno la visita degli studenti italiani, Lettoni e Francesi  alle postazioni militari del territorio  Isolano, alla lapide del Piroscafo Loreto e alla torre in terra, dove durante la seconda guerra mondiale vi era l’accampamento tedesco. Nel corso del tour si andrà anche alla scoperta di alcune fortificazioni ancora integre (casamatte) e distrutte e dei monumenti di guerra all’interno del cimitero, quali la tomba degli ebrei seppelliti a Isola e la lapide di un soldato che si trovava su una nave ospedaliera.

Nel corso del meeting il gruppo di lavoro, avrà un’occasione unica per scoprire altre culture, creare uno scambio attorno a un passato e una storia comune, nonché di approfondire il dovere della memoria. Concluse le attività dell’appuntamento italiano, i partners si rinnoveranno l’appuntamento per il prossimo mese di maggio, quando si svolgerà il secondo meeting a Chantilly, famosa cittadina francese alle porte di Parigi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quei 124 morti affondati a Isola e le bombe di Palermo: arrivano studenti lettoni e francesi

PalermoToday è in caricamento