La tragica fine di Mauro De Mauro: un mistero palermitano lungo cinquant'anni

Il 16 settembre 1970 il giornalista veniva sequestrato e ucciso da un commando mafioso. Il suo corpo mai più ritrovato. Una sparizione ancora avvolta nelle tenebre, legata probabilmente alle sue inchieste su Cosa nostra e non solo

Cinquant'anni fa, il 16 settembre 1970, a Palermo il giornalista Mauro De Mauro veniva sequestrato e ucciso da un commando mafioso. Il suo corpo non è mai stato ritrovato. Una sparizione ancora avvolta nel mistero, legata probabilmente alle sue inchieste sulla mafia e non solo. De Mauro è stato ricordato stamattina in viale delle Magnolie, da dove scomparve mezzo secolo fa, con una manifestazione promossa dal Gruppo siciliano dell’Unione nazionale cronisti italiani (Gruppo di specializzazione della Fnsi-Assostampa). Presenti i familiari di De Mauro, oltre al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che a nome dell'Amministrazione ha deposto una corona sulla lapide,  il presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, Giulio Francese, i componenti del direttivo dell'Unci Sicilia, Leone Zingales, Giuseppe Lo Bianco, Daniele Ditta, Sandra Figliuolo, Filippo Romeo e Gioia Sgarlata, nonché il commissario nazionale dell'Unci, Claudio Silvestri, e il segretario regionale dell'Assostampa Sicilia, Roberto Ginex.

De Mauro, cronista de L’Ora, era nato a Foggia nel 1921. Furono diverse, all'epoca, le piste battute da polizia e carabinieri per risalire al contesto in cui maturò il sequestro. Tra le principali seguite dagli inquirenti spiccava quella relativa a notizie esclusive sulla morte del presidente dell'Eni, Enrico Mattei, che il cronista aveva acquisito dopo un lungo lavoro di ricerca e che si accingeva a raccontare sulle colonne del quotidiano del pomeriggio. Venne tenuta in considerazione anche la pista cosiddetta del “golpe Borghese”.

De Mauro, la sera in cui fu rapito aveva appena posteggiato la sua auto, una Bmw, accanto al portone d’ingresso del palazzo in cui abitava, in viale delle Magnolie. I sicari di mafia gli tesero una trappola. Da quel momento De Mauro scomparve nel nulla. Poche ore dopo la denuncia di scomparsa la sua auto fu ritrovata in via Pietro D’Asaro nella zona di via Dante, sempre a Palermo. Secondo alcuni collaboratori di giustizia i resti del giornalista rimasero sepolti per diversi anni sotto un ponte del fiume Oreto e successivamente rimossi e bruciati su ordine dei capimafia.

In viale delle Magnolie soltanto dal 2015 si svolge una cerimonia per ricordare De Mauro nel giorno della scomparsa. La targa marmorea, infatti, è stata collocata dal Comune il 16 settembre 2015 su proposta dell’Unione cronisti della Sicilia mentre dal 14 maggio del 2013 un albero dedicato a Mauro De Mauro si trova nel Giardino della memoria di Ciaculli, il sito confiscato alla mafia e gestito dal Gruppo cronisti siciliani dell'Unci e dall'Associazione nazionale magistrati.

Un grande cronista che Rai Cultura oggi ricorda con il documentario "L'Ora. Storia di un giornale antimafia", in onda alle 17.45 su Rai Storia. Con la voce narrante dell'attore palermitano Claudio Gioè, il doc ripercorre la storia del giornale L'Ora, intrecciata con quella della città di Palermo e con la carriera di molti giornalisti diventati famosi. Nato all'epoca dei Florio, nel 1900, il giornale vive il suo periodo d'oro negli anni della direzione di Vittorio Nisticò, dal 1954 al 1975. E' in quest'epoca che nasce il giornalismo antimafia con tre generazioni di cronisti che si formano nella redazione di Piazzetta Napoli. Il racconto delle battaglie del giornale si intreccia così con i casi di cronaca più significativi e con i drammi che hanno portato alla morte di Mauro De Mauro e di altri due cronisti de L'Ora, Cosimo Cristina e Giovanni Spampinato.

Un percorso che attraversa la storia della Sicilia, dalla prima inchiesta antimafia nel 1958 fino al terremoto del Belice, dal governo regionale di Silvio Milazzo alla guerra di mafia degli anni '80, impreziosito dalla collaborazione di intellettuali come Leonardo Sciascia. Fino alla chiusura del giornale, nel 1992, a pochi giorni dalla strage di Capaci. Tra le voci presenti nel documentario, spicca quella di Andrea Camilleri che ricordava i suoi primi passi da scrittore, parlando in televisione dei racconti che aveva inviato nel 1949 al quotidiano e che L'Ora aveva pubblicato. Ma ci sono anche ex giornalisti come Marcello Sorgi, Etrio Fidora, Franco Nicastro, Vincenzo Vasile, e dirigenti politici come Emanuele Macaluso. A leggere gli articoli delle grandi firme di quel giornale, infine, sono quattro giovani studenti siciliani impegnati nelle associazioni antimafia che si battono per la legalità.

"De Mauro - ha sottolineato Zingales durante la cerimonia - è stato ucciso perché si apprestava a pubblicare l’ennesimo scoop, la notizia a sensazione è che avrebbe svelato un grande mistero italiano. Purtroppo la verità sulla uccisione di De Mauro è ancora lontana".

Franca De Mauro, figlia del cronista ucciso da Cosa nostra, ha voluto "ringraziare i cronisti per l’impegno profuso sulla strada della legalità. Mi fa piacere - ha detto - che la figura di papà venga celebrata dai colleghi con questa cerimonia. Per non dimenticare".

"La presenza qui di tanti esponenti della stampa, delle istituzioni cittadine e delle forze dell'ordine - ha commentato il sindaco Orlando - ci dà la giusta chiave di lettura di questo terribile delitto di cinquant'anni fa, del quale si evidenzia una connessione tra la libertà di informazione e forme deviate delle istituzioni. Un delitto che anticipò tutta una serie di altre uccisioni, come quella del procuratore Scaglione fino a quella di don Pino Puglisi e che rappresenta un invito ad avere rispetto per chi ha dato la vita per la libertà di informazione ed esprimere condanna e richiesta di verità e giustizia per tutte le perversioni istituzionali che nel nostro paese hanno costituito una vergogna".

Alla cerimonia erano presenti anche il prefetto Giuseppe Forlani, il questore Renato Cortese, il comandante del Gruppo Palermo dell’Arma dei carabinieri, tenente colonnello Angelo Pitocco, il comandante provinciale della Guardia di finanza, generale Antonio Quintavalle Cecere, il comandante della polizia municipale, Vincenzo Messina, ufficiali dell’Esercito e funzionari della Prefettura, il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, Agatino Carrolo, le ispettrici del Corpo delle infermiere volontarie della Croce rossa del XII Centro di mobilitazione della Sicilia e del Comitato di Palermo, Salvatrice Lacagnina e Elena Muscaglione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • A piedi da Ballarò a Londra per abbracciare la nonna, l'impresa del piccolo Romeo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento