I sogni di Luca annegati nel mare che tanto amava, due anni fa il tragico incidente

Il 25 agosto del 2018 Luca Giacoletti, campione di nuoto di appena 20 anni, fu tradito proprio dalle acque agitate dell'Addaura: non riuscì a risalire dopo aver tentato di disincagliare un'ancora

Luca Giacoletti

Amava il mare e lo conosceva bene, campione a sfidarne le onde a nuoto com'era. Eppure nel tardo pomerigio del 25 agosto del 2018, Luca Giacoletti, di appena 20 anni, dal mare e dall'acqua era stato tratto in inganno: nel cercare di disincagliare un'ancora, non era più risalito in superficie. Una morte che ancora oggi a due anni da quella tragica immersione all'Addaura suscita il ricordo commosso non solo della famiglia, ma anche dei tanti amici, compagni di squadra e rivali di gara.

Quel giorno il mare era agitato, ma nessuno pensava che Luca non sarebbe riuscito, come tante altre volte aveva fatto, a risalire indenne. Gli amici, non vedendolo tornare, avevano subito lanciato l'allarme, ma per il giovane non c'era stato purtroppo nulla da fare.

Giacoletti si era avvicinato al nuoto dopo uno dei suoi fratelli e gradualmente, anche per una tenacia e una forza di volontà non comuni, si era conquistato anche lui tempi sempre migliori. L'acqua era il suo elemento, da sempre. Ma quel 25 agosto proprio l'acqua l'aveva tradito. L'anno scorso il rettore Fabrizio Micari ha deciso di conferire post mortem a Giacoletti l'onoreficenza di "Benemerito dell'Ateneo", visti i grandi risultati che il giovane, con la stessa determinazione, aveva già raggiunto nei primi anni di studi all'università.

Ai suoi funerali parteciparono decine e decine di ragazzi. Il profilo Facebook di Luca è sempre rimasto in rete e nel tempo, regolarmente, qualcuno ha lasciato un post, un messaggio carico d'affetto, gli auguri per il compleanno. Anche oggi, in occasione del triste anniversario.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento