"Ti faccio rubare la macchina": via Montevergini, preso posteggiatore

La polizia ha arrestato un 54enne tunisino per estorsione ai danni di un giovane palermitano. Pretendeva dei soldi, e dopo aver incassato il rifiuto ha minacciato il ragazzo. E quando è arrivata la volante ha tentato un improbabile fuga in bicicletta

Via Montevergini

Uno scambio di battute dopo il posteggio. "Dammi i soldi". "No". Quindi l'avvertimento: “Se non mi dai i soldi ti faccio rubare la macchina”. Venerdì notte turbolento in via Montevergini, una traversa di corso Vittorio Emanuele. Siamo nel cuore della movida palermitana. Gli agenti della polizia hanno arrestato un 54enne tunisino per estorsione ai danni di un giovane palermitano. Erano le 23.30 circa. Un ragazzo ha contattato il “113″ e ha raccontato ai poliziotti intervenuti in suo soccorso delle offese e delle intimidazioni a lui indirizzate da un extracomunitario.

Lo straniero, volto noto nella zona, aveva avvicinato il giovane che aveva posteggiato l’auto e gli aveva indicato il prezzo del parcheggio. Ricevendo un fermo rifiuto, il tunisino non ha esitato ad elencare le gravi conseguenze cui il ragazzo sarebbe andato incontro, se si fosse ostinato a non voler pagare. Fino a quella sinistra minaccia: “Se non mi dai i soldi ti faccio rubare la macchina”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Agli agenti è bastato poco per rintracciare l’extracomunitario segnalato. Il tunisino, quando ha notato i poliziotti, ha tentato una veloce fuga a bordo di una bicicletta ma è stato facilmente raggiunto e sottoposto ad un controllo. Dai riscontri sembrerebbe che l’uomo già da parecchio tempo esercitasse l’illecita attività in zona e che lo facesse con modi non proprio urbani ma spesso pretenziosi e vessatori. A conferma di ciò l’esito della perquisizione cui lo straniero è stato sottoposto: addosso aveva il classico kit da lavoro per i professionisti del settore, e cioè un fischietto e, tra le altre cose, un blocchetto numerato a doppia matrice parzialmente usato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento