Monreale, carabinieri sono docenti per un giorno: spiegano ai ragazzi come rispettare l'ambiente

I militari hanno illustrato agli allievi della scuola media Morvillo le diverse attività che l’Arma svolge e hanno spiegato ai giovani le conseguenze disastrose che i cattivi comportamenti dei cittadini hanno sull'ecosistema

I carabinieri della compagnia di Monreale e i carabinieri forestali del centro anticrimine natura sono diventati insegnanti per un giorno e hanno incontrato gli alunni della scuola media dell'istituto comprensivo Morvillo di Monreale per parlare di "Laegalità e ambiente". 

I militari, dopo aver illustrato ai ragazzi le diverse attività che l’Arma con le sue specialità svolge a tutela dell’ambiente e nel contrasto agli illeciti di natura ambientale, hanno spiegato ai giovani le conseguenze disastrose che i cattivi comportamenti dei cittadini hanno sull’ambiente, su ognuno di noi e sul territorio, sensibilizzandoli a farsi promotori di una cultura di rispetto dell’ambiente a cominciare dai comportamenti quotidiani non solo dei più piccoli ma anche degli adulti.

Nel corso dell’incontro i carabinieri hanno anche sottolineato l’importanza della raccolta differenziata e fornito le indicazioni necessarie per un corretto recupero dei rifiuti. Agli allievi è stato consegnato l’opuscolo “Differenziamoci”, realizzato dal comando generale dell’Arma e contenente i consigli utili per un comportamento rispettoso dell’ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’incontro hanno assistito circa 150 ragazzi, con le loro insegnanti e la preside Francesca Giammona. L’incontro è stato organizzato nell’ambito di un progetto dedicato al rispetto dell’ambiente portato avanti dall’istituto Morvillo e dall’Arma. L’iniziativa si incardina in una più ampia strategia portata avanti in tutta la provincia dai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento