Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Monreale, droga e furto di energia: padre e figlio in manette

I militari dell'Arma hanno trovato il più giovane in possesso di nove dosi di hashish, per 14,5 grammi. Subito dopo hanno scoperto che in casa era stato realizzato un collegamento abusivo alla rete elettrica

A.C. arrestato dai carabinieri

Padre e figlio nei guai per spaccio di droga e e uso abusivo della rete elettrica pubblica. Succede a Monreale, dove i carabinieri hanno arrestato F.C. e A.C. - rispettivamente 45 e 25 anni - già noti alle forze dell'ordine.

I militari dell'Arma hanno trovato il più giovane in possesso di nove dosi di hashish, per 14,5 grammi complessivi. Subito dopo, insospettiti da un cavo di rame, hanno scoperto aiutati dai tecnici Enel la realizzazione di un allaccio diretto alla rete elettrica pubblica. Sono così scattate le manette anche per il padre del ragazzo.

I due hanno atteso agli arresti domiciliari il rito direttissimo, che ha portato alla condanna del padre a 5 mesi e 10 giorni di reclusione e a 200 euro di ammenda, mentre il figlio ha avuto l'obbligo di dimora nel comune di Monreale.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monreale, droga e furto di energia: padre e figlio in manette

PalermoToday è in caricamento