menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monreale, finanziato progetto per mettere in sicurezza tre zone collinari colpite da frane e incendi

La struttura contro il dissesto idrogeologico ha pubblicato la gara per la progettazione esecutiva, che prevede la demolizione di porzioni di roccia fratturata, la realizzazione di barriere paramassi e interventi di imbracaggio con funi ed ancoraggi in località Caputo, Caputello e Loghivecchi

Oltre 127 ettari da mettere in sicurezza, in un versante impervio. E’ l’obiettivo che la struttura contro il dissesto idrogeologico, guidata dal governatore Nello Musumeci, si è posto finanziando un progetto a salvaguardia della pubblica incolumità per tre località di Monreale: Caputo, Caputello e Loghivecchi. E’ stata infatti pubblicata dagli uffici diretti da Maurizio Croce la gara per la progettazione esecutiva relativa ai lavori sulle tre aree che sovrastano la città del Duomo. 

Quelle in esame sono zone collinari, a nord dell’abitato del centro urbano, caratterizzate da terreni di natura argillosa-marnosa, con rilievi aspri e con una pendenza che varia tra il 45 e il 60 per cento. Molto elevata la loro classificazione di pericolo e di rischio, P4 ed R3. A risentire di questa situazione di dissesto anche il sistema viario: le prime due contrade, Caputo e Caputello, sono attraversate dalla strada comunale esterna Monreale-San Martino delle Scale. Loghivecchi invece è servita dalla Provinciale 69 che collega con il capoluogo. Entrambi i percorsi sono stati interessati dalla caduta di massi con danni alle sedi stradali e rischio per l’utenza che, con grandi disagi, ha dovuto ripiegare su tracciati alternativi come quello della Provinciale 57 e della Comunale Boccadifalco-Piano dei Geli.

Ad aggravare il quadro generale già abbastanza problematico, oltre alle frane, i frequenti incendi che l’area subisce da tempo e che hanno distrutto la vegetazione oltre ad aver provocato il surriscaldamento delle formazioni rocciose più instabili, con effetti disastrosi. Particolarmente violento quello del 2 agosto 2019 che si è esteso sino alla valle del Castellaccio per oltre due chilometri, con le fiamme che hanno raggiunto le pendici del monte sino a lambire i terreni coltivati e le case di campagna.

Tra le soluzioni tecniche previste - dopo le attività preliminari di ispezione e di controllo delle pareti rocciose - il disgaggio e la demolizione di porzioni di roccia fratturata, interventi di fasciatura ed imbracaggio. Verranno quindi realizzate opere di difesa e, nella fattispecie, reti in aderenza con funi ed ancoraggi di adeguate dimensioni e barriere paramassi ad elevato assorbimento di energia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento