Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Monreale, botte e incendi contro i "concorrenti": arrestati 2 fratelli ambulanti

In manette sono finiti Massimiliano e Salvatore Salvia. Sono accusati di estorsione, lesioni personali aggravate, danneggiamento e atti contrari alla pubblica decenza. Intimidivano i bengalesi con aggressioni fisiche, lancio di pietre e bastonate

Massimiliano Salvia, 36 anni

Minacce, botte e incendi per conquistare il monopolio del commercio ambulante a Monreale. Non avevano problemi ad usare le maniere forti due fratelli, Massimiliano e Salvatore Salvia, di 36 e 27 anni. I carabinieri li hanno arrestati eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Daniela Cardamone. Entrambi sono accusati di estorsione aggravata continuata in concorso, per aver cercato di imporre il loro monopolio sul commercio ambulante, di lesioni personali aggravate continuate, di danneggiamento e di atti contrari alla pubblica decenza.

Le indagini, che si sono avvalse anche delle testimonianze dei commercianti di via Torres, la strada che congiunge il parcheggio degli autobus al Duomo, hanno permesso di accertare come i fratelli Salvia, nonostante fosse stata più volte sequestrata loro la merce, non si erano rassegnati a cedere neanche un millimetro di quello che avevano individuato come il loro "negozio".

Salvatore Salvia-2Così, oltre a resistere ai controlli delle forze dell'ordine, avevano cercato dal 2012 ad oggi di intimidire e allontanare i loro 'concorrenti' bengalesi. Minacce ripetute, anche con armi, aggressioni fisiche, lancio di pietre e bastonate, oscenità rivolte alle donne quando ne erano assenti i mariti, fino ad appiccare fuoco alle bancarelle nottetempo. Per loro è così scattato l'arresto e sono stati posti ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monreale, botte e incendi contro i "concorrenti": arrestati 2 fratelli ambulanti

PalermoToday è in caricamento