Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Bici e monopattini piacciono sempre più, Palermo nella top ten del "Giretto d’Italia - bike to work 2021"

Si tratta della gara di mobilità sostenibile promossa da Legambiente. Al primo posto c'è Padova, il capoluogo siciliano è settimo. Gli ambientalisti: "Insufficienti le risorse destinate a ciclabili urbane nel Pnrr". L'assessore Giusto Catania: "Irreversibile cambiamento culturale"

Palermo è nella top ten dell'undicesima edizione del "Giretto d’Italia - bike to work 2021", il campionato nazionale della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente con il sostegno del main partner CNH Industrial, di Euromobility e VeloLove, e in collaborazione con 26 amministrazioni comunali aderenti all’iniziativa. A totalizzare il maggior numero di spostamenti sostenibili casa-scuola e casa-lavoro in sella alla bicicletta o a bordo di mezzi alternativi di micromobilità elettrica è stata Padova, seguita da Reggio Emilia e Pesaro, rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio. Palermo si colloca al settimo posto.

Il conteggio degli spostamenti, causa maltempo in alcune delle città coinvolte, è stato effettuato in diverse date tra il 16 e il 21 settembre (nell’arco di due ore scelte da ciascun Comune nella fascia 6-10) tramite appositi check-point allestiti nelle immediate vicinanze di aziende pubbliche e private, scuole e università. Da notare, nell’analisi dei dati, come a un monitoraggio effettuato nell’arco di due ore – e non più di quattro come era avvenuto lo scorso anno – sia corrisposta una fisiologica diminuzione del numero complessivo dei passaggi. In totale sono transitati dai varchi a bordo di mezzi sostenibili 38.572 lavoratori o studenti: 35.037 i passaggi di biciclette conteggiati, 3.204 quelli di altri mezzi di micromobilità elettrica.

La classifica delle città per numero assoluto di spostamenti sostenibili vede in testa Padova con 6.856 mezzi conteggiati – tra biciclette, bici a pedalata assistita e monopattini – seguita da Reggio Emilia con 3.658, Pesaro con 3.407, Bolzano con 3.247, Piacenza con 3.183, Trento con 2.456, Palermo con 2.392, Milano con 2.240, Fano con 2.203, Torino con 1.616, Ravenna con 1.494, Modena con 802, Pavia con 790, Ferrara con 689, Bologna con 678, Carpi (MO) con 487, Udine con 454, Chiavari (GE) con 295, Napoli con 282, Jesi (AN) con 244, Genova con 215, poi Carmagnola (TO) con 131, San Mauro Torinese (TO) con 122, Roma con 112, Misano Adriatico (RN) con 57, Lecce con 54.

Guardando, nello specifico, alla circolazione dei mezzi sostenibili a mobilità elettrica, l’edizione 2021 rileva un lieve ma in alcuni casi significativo aumento nel loro utilizzo. Sul podio delle città dove circolano più e-bike e, soprattutto, monopattini, troviamo Palermo, con 1.011 passaggi, Pesaro (301) e Torino (247), seguite da Reggio Emilia (244), Padova (197), Napoli (167), Fano (136), Piacenza (99), Bologna (88), Genova (84).

Il calcolo del numero di mezzi sostenibili circolanti in proporzione ai residenti restituisce una classifica ancora diversa: prima tra le città più virtuose, a sorpresa, troviamo Fano con 3,67 mezzi sostenibili per abitante, seguita da Pesaro (3,55), Padova (3,30), Piacenza (3,08), Bolzano(3,01), Reggio Emilia (2,16) e Trento (2,03). Considerando, invece, il passaggio delle sole biciclette, Padova è sempre in testa con 6.345 bici, seguita da Reggio Emilia con 3.414, Bolzano con 3.169, Pesaro con 3.106, Piacenza con 3.084, Trento con 2.387, Milano con 2.240, Fano con 2.067, Ravenna con 1.453, Palermo con 1.381, Torino con 1.369, Pavia con 776, Modena con 735, Ferrara con 689, Bologna con 590,Carpi con 460, Udine con 445, Chiavari con 288, Jesi con 227, Genova con 131, Carmagnola con 120, San Mauro Torinese con 119, Napoli con 115, Roma con 55, Misano Adriatico con 53 e Lecce con 31.

Come per l’edizione 2020, segnata dall’emergenza pandemica da Covid-19, anche Giretto d’Italia - bike to work 2021 ha previsto la possibilità di aderire alla competizione tramite “check-point virtuale”, rispondendo cioè a un sondaggio online sul tema dello spostamento casa-lavoro: il 70% dei rispondenti al questionario è risultato lavorare ancora in modalità smart working (di questi il 73% in full time). Un dato che evidenzia come lo smart working nelle aziende italiane – che rappresenta senz’altro un risparmio in
termini di spostamenti quotidiani in città – si stia sempre più stabilizzando quale modalità di lavoro comparabile a quella in presenza, e non debba più essere considerato soltanto in un’ottica emergenziale. Altro aspetto da tenere in considerazione in un raffronto con i trend rilevati nel 2020, osserva Legambiente, riguarda il ricorso all’auto privata che nel 2021 ha visto un incremento notevole, nonostante nei primi mesi dell’emergenza Covid,19 si fosse registrato un maggiore utilizzo dei mezzi sostenibili negli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola.

"La partecipazione dei cittadini – commenta il sindaco, Leoluca Orlando - costituisce motivo di orgoglio per la nostra città ai vertici nazionali di mobilità leggera e sostenibile e da’ forza e conferma alla continua e chiara scelta della amministrazione comunale".

"Nell'ultimo anno - aggiunge l'assessore alla Mobilità, Giusto Catania -  abbiamo assistito a un incremento dell'utilizzo dei veicoli ecologici per gli spostamenti casa/lavoro: è il segno che le scelte dell'amministrazione in materia di mobilità sostenibile sono apprezzate dalle cittadine e dai cittadini palermitani. Il dato reso pubblico da Legambiente colloca Palermo oltre le aspettative più rosee e fa ben sperare sull'irreversibilità di questo percorso culturale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bici e monopattini piacciono sempre più, Palermo nella top ten del "Giretto d’Italia - bike to work 2021"

PalermoToday è in caricamento