Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Partanna-Mondello

Stagione a rischio: dopo 104 anni niente cabine a Mondello?

Lo scoglio si chiama Pudm, il Piano d'uso del demanio marittimo che il Comune avrebbe dovuto adottare quasi dieci anni fa. Scatta la corsa contro il tempo e Paolo Caracausi, presidente della commissione Attività, ammette: "La stagione forse è finita prima di iniziare..."

Il rischio è che la stagione balneare sia finita ancor prima di iniziare. A poco più di un mese dalla fase "preliminare" dell'estate (le cabine di solito vengono montate a metà maggio) la situazione resta parecchio ingarbugliata. Il Suap, lo sportello attività produttive, è intenzionato a non concedere le autorizzazioni per l’avvio della stagione balneare perché il Comune da anni è inadempiente. Lo scoglio si chiama Pudm, il Piano d’uso del demanio marittimo che Palazzo delle Aquile avrebbe dovuto adottare dal 2005 ma che in realtà non è ancora arrivato in Consiglio comunale. In soldoni, dopo 104 anni niente cabine a Mondello. Sì, perché si tratta di costruzioni e necessitano di concessioni onerose. Che il Comune, appunto non può rilasciare, perché proprio dal 2005 manca il regolamento. Un vuoto normativo che potrebbe risultare fatale.

Prova a fare chiarezza Paolo Caracausi, presidente della commissione Attività produttive del Comune: "La direttiva firmata dal dirigente Paolo Basile prevede che nessuno può installare delle costruzioni senza il Pudm, che la legge regionale prevede per l'apertura di attività entro i 150 metri dalla battigia. Al momento c'è una evidente difficoltà al rinnovo delle autorizzazioni, a partire dalla Italo Belga. E' chiaro che se non si montano le cabine, i cittadini sono contenti, il problema però è anche per tutte quelle attività stagionali (lidi e ristoranti) che vanno da Mondello ad Acqua dei Corsari".

Caracausi continua: "Noi come commissione della Attività produttive abbiamo incontrato ieri le associazioni di categoria, abbiamo inviato alcune mail al dirigente Basile e agli assessori Giuffrè e Di Marco, oltre al sindaco Orlando per trovare una soluzione. Il problema è che volendo essere super ottimisti, per approvare il Pudm ci vorrà almeno un mese. Poi, come se non bastasse, il piano deve approdare alla Regione. Trovare una soluzione è complicato, a questo punto speriamo in una scappatoria. Magari una deroga. La beffa è che dal 2005 a oggi una soluzione è stata sempre trovata. Non raggiungerla adesso, quando c'è già (a differenza degli anni passati) un'indicazione dettata dal Pudm e che aspetta solo di essere approvata, sarebbe assurdo. Il rischio è che la stagione sia finita prima che cominci".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagione a rischio: dopo 104 anni niente cabine a Mondello?

PalermoToday è in caricamento