menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpresi mentre bruciano rifiuti in campagna, arrestati padre e figlio a Misilmeri

Gli arrestati sono stati bloccati dai carabinieri e portati in carcere, al “Cavallacci” di Termini Imerese, ma poco dopo sono stati rimessi in libertà in attesa di giudizio

Sorpresi mentre bruciano i rifiuti e arrestati. In manette sono finiti padre e figlio, un uomo di 61 anni (A.P. le iniziali) e 34 (A.P. anche lui). E' successo ieri a Misilmeri. Nel corso di un servizio di controllo del territorio i carabinieri dell’aliquota radiomobile hanno sorpreso i due in via Vicari mentre stavano dando fuoco ad alcuni rifiuti speciali "che erano stati presumibilmente abbandonati poco prima", dicono dall'Arma.


Il tempo di notare i militari da lontano, e padre e figlio hanno tentato di allontanarsi ma sono stati subito bloccati. Poi è scattata la perquisizione: i carabinieri hanno trovato l’accendino con cui era stato appiccato l’incendio. Gli arrestati sono stati portati in carcere, al “Cavallacci” di Termini Imerese su disposizione del giudice. Questa mattina, a seguito della convalida, i due uomini sono stati rimessi in libertà in attesa di giudizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento