"Hanno fatto bene ad ammazzare Padre Puglisi": minacciato il presidente del Centro di don Pino

E' successo a Brancaccio, davanti alla Casa museo visitata poche settimane fa dal Papa: "Un energumeno mi ha puntato il dito in faccia urlando che per colpa mia lui non può più posteggiare la moto sotto il suo balcone"

Piazzetta Beato Giuseppe Puglisi

"Hanno fatto bene da ammazzare Padre Puglisi". Così è stato minacciato il presidente del Centro Padre nostro di Palermo, fondato da don Pino a Brancaccio, davanti alla Casa museo visitata poche settimane fa dal Papa. E' stato lo stesso presidente, Maurizio Artale, a raccontare come sono andate le cose in un lungo post pubblicato su Facebook. "Capita - racconta Artale - che sabato, alle 13, dopo aver partecipato al convegno dal titolo "Crisi e rigenerazione", svoltosi presso la Missione Speranza e Carità, io vada a Casa museo del beato Giuseppe Puglisi: lì ci sono ad attendermi i volontari del Centro e il gruppo dei giovani promotori dell'iniziativa "Le vie dei tesori", in quanto per la prima volta la Casa museo è stata inserita in questa iniziativa cittadina. Capita che, appena sceso dall'auto, un "energumeno", venuto fuori dal portone del civico n.3 di piazzetta Beato Giuseppe Puglisi (già piazzale Anita Garibaldi), a torso nudo, con barba folta e nera così come la sua capigliatura alla moda, si diriga verso di me con un fare pari a quello di un rinoceronte che carica la sua preda".

Il pentimento dopo le minacce: il servizio delle Iene a Brancaccio | VIDEO

"Capita che "l'energumeno", puntandomi il dito in faccia, mi urli che per colpa mia lui non può più posteggiare la moto sotto il suo balcone e che da quando io ho comprato quella casa, indicando con l'indice la Casa museo dove ha vissuto il beato Giuseppe Puglisi, in quella piazza non c'è più pace. Così "l'energumeno" aggiunge che, non appena avesse visto una moto dei volontari del Centro sul marciapiede, ci avrebbe pensato lui. Capita che io, con molta calma, gli chieda per quale motivo se la stia prendendo con me, invitandolo eventualmente a reclamare, per il divieto di posteggio sui marciapiedi, direttamente alle forze dell'ordine. Aggiungo inoltre che anche nel caso in cui avesse visto una moto appartenente a un volontario del Centro posteggiata sul marciapiede, avrebbe dovuto chiamare sempre le forze dell'ordine".

Artale prosegue: "Capita che lui mi risponda di non essere sbirro come me e che queste cose posso farle io ma di certo lui no. Capita che io ribadisca, sempre con molta calma, che qualora fosse stata sua intenzione offendermi non ci stava riuscendo, visto che per me l'epiteto "sbirro" non rappresentava una offesa. Mi limito ad aggiungere che continuavo a non comprendere la sua agitazione. Così gli chiedo se non fosse contento della visita del Papa in quel luogo e se non fosse contento di affacciarsi al balcone e vedere la piazza sgombra di auto, risistemata, pulita e con le aiuole fiorite. Capita che lui mi risponda che non gliene fotte niente del Papa e che io gli avevo tolto "l'identità" facendo persino cambiare nome alla piazza, aggiungendo che non solo avevo precluso l'accesso delle auto su metà marciapiede, ma che ora stavo esagerando e me ne stavo approfittando". 

A quel punto l'interlocutore di Artale, parlando dell'omicidio di padre Puglisi, avvenuto il 15 settembre del 1993 proprio davanti all'abitazione del sacerdote, inveisce contro il presidente del Centro e gli urla: "Hanno fatto bene ad ammazzarlo". "Capita che io a quel punto gli risponda urlando, così come lui aveva fatto con me sino a qual momento - racconta ancora Artale - Gli chiedo: "Quindi hanno fatto bene ad ammazzare padre Pino Puglisi? Devi darti una controllata nel parlare, devi decidere da che parte stare, dalla parte della mafia o degli "sbirri", come li chiami tu". E sempre con toni accesi gli chiedo perché queste cose non le ha dette quando la piazza pullulava di forze dell'ordine. Incalzante, continuo e gli chiedo se è capace di dire queste cose davanti agli "sbirri" e se, nel caso in cui io li avessi chiamati, lui davanti a loro, in quell'istante, avrebbe ripetuto le stesse parole che aveva appena rivolto a me - racconta ancora Artale -. Capita che lui mi risponda che avevano fatto bene ad ammazzare 'u parrinu e che lui non si spaventa di nessuno e che di tutto questo movimento a lui non gliene fotteva niente. Capita che io lo inviti a tornarsene a casa, spiegandogli che se avesse continuato con quell'atteggiamento e quel comportamento, gli sbirri, come li chiamava lui, se lo sarebbero di certo prelevato".

"Dopo l'incontro - chiude Artale - mi sono chiesto: 'Ma dove erano le centinaia di persone che hanno esposto lenzuoli bianchi ai balconi in occasione della venuta del Papa? Come mai nessuno è sceso dalla propria abitazione per cercare di condurre alla ragione l'energumeno? Come mai, quando ho alzato lo sguardo verso le finestre e i balconi prospicienti la piazzetta, non c'era nessuno?'. Questo non deve capitare. Quei lenzuoli bianchi devono diventare lo specchio della coscienza. Non è possibile ancora oggi, dopo 25 anni dal martirio del beato Giuseppe Puglisi, trincerarsi dietro la paura di metterci la faccia, di dimostrare all'energumeno che non la pensano come lui e che la mafia non fa bene quando "ammazza" una qualsiasi persona. Non è possibile che nessuno degli abitanti di quella piazza non ripudi con fermezza il comportamento dell'energumeno".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (32)

  • tutto questo succede perché in italia la legge non funziona ce poco da discutere

  • Non appena gli hanno toccato il nervo scoperto ecco che non parlo, non vedo, non sento. Fortunatamente è solo un mafioso di cartone.

  • Non c'è da stupirsi, tanti siciliani sono individualisti al massimo, e un piccolo fastidio, come non poter posteggiare il motorino sul marciapiede, diventa più importante di avere una piazza pulita e ordinata e del fatto che è venuto il Papa e si impreca contro tutti pure contro il parrino. E non è questione di ignoranza, c'è chi non sopporta avere il giudice vicino perchè poi mettono il divieto di sosta e persino il laureato che non sopporta di dover dividere l'immondizia per la differenziata ed esce di casa per andare nel quartiere vicino con il sacchetto da buttare nel cassonetto dove ancora si può. Non abbiamo il concetto del bene comune ed questo che ci frega.

  • Avatar anonimo di Livio
    Livio

    Capita che siamo a Palermo e questo è il pensiero dominante di almeno il 75% della cittadinanza. 

  • La gente ignorante non vale niente ....... Questa persona non dovrebbe neanche esistere vale meno di zero ....

  • c è una povertà culturale e civile impressionante! Il massimo.per questa gente è avere la Golf o la Smart pulitissima la domenica! ????

  • Io nn ti avrei nemmeno cagato in quanto ai miei occhi sei solo ignorante. È inutile che ti fai bello con la barba e capelli fatti sempre ignorante sei.

  • Chi ha detto questo è indegno, i parrini un si toccano

    • Il resto, si?

      • Io mi soffermerei sul fatto che ci troviamo in corso dei mille e non a brancaccio! Ma ahimè fa più notizia quindi lo mettiamo come il prezzemolo

        • E quindi?

  • Questo è l’esempio del Palermitano ignorante arrogante senza cervello e zero dignità!!!mi dispiace dirlo ma basta uno zotico e per minare la dignità dei palermitani.....e quelli che hanno assistito dai balconi senza intervenire dico...che Padre Pino Puglisi è morto per salvare i giovani dalla mafia...e il comportamento degli abitanti dimostra che è morto invano....

  • Capelli e barba alla moda , e cervello arretrato !! Di questi individui a Palermo ce ne sono una marea !! Sono fermi nel tempo e nelle loro abitudini, il loro cervello non hanno la capacità di evolversi , poverini !!!

  • Che prenda fuoco la tua moto... con te sopra.

    • Magari !!

  • semplicemente lo schifo della terra...

  • C'è tanta gente che sta nel limbo. Nè di qua, nè di là, ma per sè.

  • Palermo purtroppo è e sarà sempre questa perché ahimè, le nuove generazioni sono fatte della stessa pasta.

  • Purtroppo come sempre l'omertà vince...denunci questo essere incivile...( voglio essere educato ). Purtroppo questa città avrebbe bisogno dell'esercito per le strade...almeno sino a quando non si concretizzi il concetto che il vivere civile e nelle società sono ben altra cosa che l'anarchia totale. Non si può continuare a pensare che ognuno possa fare ciò che vuole a discapito della società intera !!!

  • Uomo di m..... Ti farei vedere io come si vive

    • ....non è come lui è pure peggio ????

    • Avatar anonimo di ENRICO
      ENRICO

      Si, da dietro la tastiera, se sei cosi galletto scendi vai li e aspettalo....

      • che ironia di m...

      • Tu sei come lui

        • No, sono come te.

      • È sceso. È andato lì e lo sta aspettando.

  • bastardo , purtroppo palermo nn cambia x personaggi cm questo energumeno . se si sente disturbato xke nn se va e si va a comprare una casa dove trova un ambiente piu' consono a lui ....

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    Vattene da questo quartiere,,,,energumeno,,,vai a vivere a bellolampo.starai bene.

    • Ma perché, che c'è a Beddhulampu? Il palazzo dei Windsor?

  • Se non può parcheggiare la sua moto, è proprio perché il parroco è stato ucciso... Questo episodio, rappresenta un chiaro spaccato sociale, rappresentato da tanta ignoranza, arretratezza, ipocrisia ed omertà... Cari ragazzi, se troverete i vostri scooter danneggiati, saprete chi cercare...

  • Capita che la gente di m...a rubi ossigeno e basta. Non farà mai nulla per dare un contributo alla società. Povera nostra città... e chi non si dissocia, possibilmente la pensa come lui.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il "gioco sporco" della mafia, 61 indagati: nel mirino la rete di Bacchi, re delle scommesse

  • Cronaca

    Confisca da mezzo milione per il pusher della "Palermo bene": c'è anche una villa

  • Cronaca

    Amg sostituisce un impianto e ripara un guasto: torna la luce a Ballarò e Boccadifalco

  • Cronaca

    Sperone, sequestrati 186 pacchi di sigarette di contrabbando: multata giovane coppia

I più letti della settimana

  • Le scuse a Stefania Petyx non bastano, sgomberati gli abusivi della Noce

  • Elicottero su Ballarò, poliziotti irrompono durante lo spaccio: 6 pusher arrestati in piazza

  • "Le hanno strappato il figlio dalle braccia": la bufala del rapimento corre su whatsapp

  • L'aggressione a Stefania Petyx, Salvini a Orlando: "Sono pronto a sgomberare gli abusivi e voi?"

  • Suicidio nel carcere Pagliarelli, detenuto si toglie la vita dopo un trasferimento

  • Fruttivendolo scomparso da Passo di Rigano: ritrovato a Trapani dopo 18 giorni

Torna su
PalermoToday è in caricamento