Molestie, calci e pugni contro i vicini di casa: arrestato commerciante

L'uomo deve rispondere di lesioni personali aggravate, violenza privata e atti persecutori. Secondo gli inquirenti avrebbe minato la serenità di un intero condominio di Tommaso Natale. Nel mirino, una famiglia in particolare, costretta a traslocare

Discussioni, litigi fino a vere e proprie aggressioni con una persona ferita. E' quanto accadeva in un condominio a Tommaso Natale, dove i rapporti tra alcuni vicini di casa erano tutto fuorchè tranquilli. Tanto che una famiglia si è vista costretta a cambiare casa e quartiere e a denunciare il vicino, oggi arrestato. La polizia ha fatto scattare le manette ai polsi di un commerciante 50enne con l'accusa di lesioni personali aggravate, violenza privata e atti persecutori. 

L'uomo negli ultimi due anni "avrebbe minato la serenità di un intero condominio in uno stabile signorile e, in particolare, di una famiglia, costretta a traslocare". "Durante le fasi iniziali della convivenza - spiega la polizia - incomprensioni, discussioni, frizioni e diversità di vedute erano all'ordine del giorno, ma nell'ultimo periodo avevano lasciato spazio ad aggressività, molestie e minacce che hanno trasformato il focoso condomino in stalker condominiale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La violenza ha raggiunto il culmine quando dopo l'ennesima discussione il 50enne non ha esitato a colpire con calci e pugni il malcapitato, provocandogli la frattura di un dito e altre lesioni. Solo l'intervento degli altri condomini ha permesso di sottrarre la vittima alla violenza dell'uomo. La vittima e la sua famiglia hanno così deciso di lasciare lo stabile, chiedere ospitalità ad alcuni parenti e denunciare lo stalker. Le indagini condotte dalla squadra mobile hanno permesso di trovare "importanti riscontri alla denuncia della vittima e raccogliere
un esaustivo quadro indiziario nei confronti dell’uomo". Da qui le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento