Domenica, 21 Luglio 2024

VIDEO | Filma e rimprovera un uomo che getta rifiuti, minacciata Giulia Argiroffi: "Te lo spacco il telefono"

Il consigliere comunale del gruppo Oso ha pubblicato sui social alcune immagini in cui mostra un cittadino mentre abbandona due sacchetti in Valverde, nella zona di via Roma, come se fosse la cosa più naturale. L'uomo, dopo aver reagito male al rimbrotto, lascia l'immondizia per strada e si allontana imprecando

Ha "osato" rimproverare un uomo che stava gettando i rifiuti per strada e per tutta risposta è stata minacciata: "Ti spacco il telefono". E' la scena ripresa con il cellulare e pubblicata sui social network dal consigliere comunale Giulia Argiroffi, del gruppo Oso, che ieri sera ha avuto una disavventura con un residente che abita vicino via Valverde.

Argiroffi si trovava in compagnia del figlio quando ha notato uomo che stava per gettare alcuni sacchetti sul marciapiede. Il suo rimprovero non è stato gradito dall'uomo che, venendole incontro, l'ha minacciata di romperle lo smartphone. Dopo un breve battibecco si sarebbe allontanato, ma solo dopo aver buttato i rifiuti e mandato a quel paese il consigliere.

Lagalla: "Rifiuti e decoro, serve la collaborazione dei cittadini"

"Nell’esprimere piena solidarietà per l’aggressione subita mentre sollecitava un cittadino affinché non gettasse dei rifiuti in strada, condanno fermamente - dice il sindaco Roberto Lagalla - simili atti di inciviltà che offendono tutti coloro che ogni giorno lavorano faticosamente per tenere la città pulita. L’igiene urbana è un diritto ma anche un dovere civico senza l’adempimento del quale non avremo mai una Palermo libera dai rifiuti. Questa Amministrazione sta lavorando attivamente per garantire decoro e pulizia ma senza la collaborazione attiva di ciascun cittadino, ogni sforzo in tale direzione sarà reso vano. Invito tutti a comportamenti più rispettosi verso una maggiore cura della città e ringrazio tutti coloro che invece si impegnano attivamente, talvolta subendo minacce e insulti come accaduto alla Argiroffi".

Rini: "Comportamenti incivili e maleducati"

"A nome di tutta la seconda commissione - dichiara il presidente Antonio Rini - esprimo convinta e massima solidarietà alla consigliera Giulia Argiroffi per le minacce a lei rivolte da un cittadino. Tali comportamenti, caratterizzati dal malcostume dell’abbandono dei rifiuti per strada, sono sinonimo di inciviltà e maleducazione inaccettabili. Ci auguriamo che le forze dell’ordine individuino e sanzionino al più presto il soggetto responsabile".

Fratelli d'Italia: "Intollerabile chi sporca la città"

"Abbiamo visto il video pubblicato dal consigliere Giulia Argiroffi, che esercita il mandato conferitole dai cittadini con spirito di servizio, non esitando a esporre sé stessa a situazioni di pericolo. Il comportamento del cittadino - affermano  il vicesindaco Carolina Varchi e il capogruppo di Fratelli d’Italia Giuseppe Milazzo - è inaccettabile e riprovevole. Non si può tollerare chi sporca la città, ben sapendo che ciò comporta un problema per l’igiene e la salute pubblica, nonché per l’espletamento di un servizio  in condizioni di oggettiva difficoltà dovuta anche a questi gesti di inciviltà. Desideriamo pertanto esprimere a nome di tutta la compagine di Fratelli d’Italia la nostra piena solidarietà e affettuosa vicinanza a Giulia Argiroffi, auspicando che iniziative di denuncia come la sua non restino più isolate".

Randazzo: "Consiglio approvi figura ispettore ambientale"

“Piena solidarietà alla collega Argiroffi e a tutti coloro che - dichiara il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Antonino Randazzo - ogni giorno si impegnano contro l’inciviltà ed il malcostume di chi sporca e mortifica la nostra bellissima Palermo: i cittadini virtuosi e rispettosi, gli operai rap ed il corpo dei vigili urbani. La politica cittadina, però, non si fermi alle parole di solidarietà. Dal consiglio comunale deve arrivare un chiaro segnale sulla via dell’impegno ad approvare prima possibile il nuovo regolamento sulla gestione dei rifiuti, dove oltre all’inserimento di nuove e più rilevanti sanzioni, si prevede l’introduzione anche la figura dell’ispettore ambientale, quale strumento concreto di lotta all’abbandono dei rifiuti e con modalità non conformi al regolamento”.
 

Articolo aggiornato alle ore 13.50 del 28 marzo 2023 // inserite dichiarazioni

Si parla di

Video popolari

PalermoToday è in caricamento