Notte di tensione a Villa Sofia, medico minacciato dal figlio di un paziente

Alla base dell'episodio la decisione presa dai sanitari, e non condivisa dal giovane poi identificato dai carabinieri, di procedere con una trasfusione di sangue. Il sindacato Cimo: "Dopo il picco del Covid i medici tornano a essere insultati e malmenati"

I carabinieri a Villa Sofia (foto archivio)

Medico minacciato dal figlio di un paziente a Villa Sofia. Notte di tensione al pronto soccorso dell’ospedale di piazza Salerno dove i carabinieri sono intervenuti per riportare la calma e fermare un giovane che aveva seminato il caos, costringendo i sanitari a bloccare le attività della shock room per oltre un’ora. A scatenare l’episodio di violenza, sebbene verbale, non i tempi d’attesa bensì una trasfusione di sangue.

Il figlio del paziente infatti, nonostante non fosse laureato in medicina, non avrebbe gradito la decisione presa dai medici e così avrebbe iniziato a inveire contro di loro. A nulla sarebbe servito l’intervento delle guardie giurate che hanno avuto grosse difficoltà a placare gli animi e convincere l’aggressore, peraltro cognato di un’infermiera in servizio nello stesso ospedale, a uscire dal pronto soccorso.

Il giovane poco dopo sarebbe quindi tornato alla carica, costringendo i medici a chiamare il numero unico d’emergenza 112 per richiedere l’intervento delle pattuglie dei carabinieri. I militari hanno identificato l’aggressore contro il quale è scattata una denuncia per minacce. Toccherà poi alla direzione ospedaliera stabilire se procedere legalmente e costituirsi parte civile nell’eventuale processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il picco dell'emergenza Covid ha dimostrato - dice Angelo Collodoro, vicesegretario regionale del sindacato Cimo - che l'85% dell'afflusso al pronto soccorso è inappropriato e aveva tenuto lontano quei delinquenti che adesso sono tornati a scorrazzare per gli ospedali. Constatiamo di essere all'anno zero nella solita indifferenza delle istituzioni preposte alla protezione di medici e infermieri che, oltre al sovraccarico di lavoro svolto spesso senza le necessarie misure di sicurezza, tornano ad essere insultati, minacciati e malmenati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento