"Ospedali sicuri", polizia e militari in corsia: si parte dal Civico

Dopo i ripetuti casi di aggressioni a medici e infermieri, la proposta dal ministro Grillo che annuncia un ddl per inasprire le pene. Progetto al via, l'ospedale palermitano farà da apripista

Picchiati, aggrediti, in alcuni casi feriti anche con oggetti. Senza contare minacce e insulti. "Siamo come soldati al fronte, lasciati soli a combattere una guerra dove siamo noi stessi vittime insieme ai pazienti", denunciava qualche giorno l'Anaao Assomed, associazione medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale. Dopo i ripetuti casi di aggressioni a medici e infermieri nei pronto soccorso e negli ospedali italiani, il ministro della Salute Giulia Grillo ha annunciato un provvedimento per inasprire le pene. Non solo: Grillo ha parlato anche di presìdi di polizia e militari in corsia. Il governo sta studiando un intervento in tal senso e il progetto vede il Civico di Palermo come apripista.

Ospedale Civico, infermiera scaraventata a terra

"Le ripetute e gravissime aggressioni nei pronto soccorso e negli ospedali ai danni del personale sanitario non possono avere alcuna spiegazione e giustificazione. I fatti anche di queste ore confermano l'assoluta necessità di un intervento legislativo. Ho chiesto di presentare in Cdm un disegno di legge a tutela dei dipendenti del Ssn, con presidi di Forze dell'Ordine nelle strutture".

"Il provvedimento - aggiunge la Grillo - prevede anche l'inasprimento delle sanzioni penali nei casi di aggressioni al personale Tra le altre misure propongo anche l'istituzione di un Osservatorio anti-violenze e una campagna di comunicazione e di informazione per i cittadini sul ruolo degli operatori sanitari".

Il Consiglio dei ministri di venerdì 10 agosto esaminerà la proposta che potrebbe portare militari e polizia nei nosocomi. Alla luce delle recenti aggressioni al personale sanitario, sono state già individuate tre strutture in cui il progetto partirà: il Civico di Palermo, il Vittorio Emanuele di Catania e il Cardarelli di Napoli. Sull'utilizzo di militari negli ospedali c'è la contrarietà del Pd. "La ministra Grillo troverà il contributo del gruppo parlamentare del Pd al ddl per contrastare le ripetute violenze e aggressioni a danno dei professionisti della sanità, perché si tratta di un intervento quanto mai urgente, come ribadito dall'ordine dei medici e dei tanti professionisti", dichiarano i deputati del Partito democratico Elena Carnevali e Paolo Siani. "Non riteniamo - continuano - che la soluzione adeguata sia la riproposizione di "Strade sicure" negli ospedali. Sappiamo bene che i militari non hanno alcun potere di intervento nei casi di reati. Piuttosto oltre all'aumento delle sanzioni, è opportuno verificare la possibilità che il personale medico, o almeno quello più esposto, possa essere considerato Pubblico Ufficiale, solo durante esercizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo un sondaggio di Anaao Assomed, il 65% dei dottori ha dichiarato di essere stato vittima di un'aggressione. Una percentuale che cresce fino al 72,1% nel Sud e nelle isole. L'ultimo caso in ordine di tempo è proprio quello di Palermo. Un'infermiera giovedì notte è stata afferrata e scaraventata a terra da una paziente al pronto soccorso del Civico. Protagonista una ragazza che di lì a poco sarebbe stata visitata per un sospetto trauma cranico. I tentativi di calmarla da parte del medico e delle guardie giurate non sono serviti e in pochi minuti è scoppiato un parapiglia che ha reso necessario una richiesta di intervento dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento