Mika e Negramaro allo Stadio delle Palme, è polemica: "Così si viola il regolamento"

Il vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Nadia Spallitta: "Il certificato di agibilità è stato rilasciato solo per manifestazioni sportive con capienza prevista fino a 3.200 posti"

No ai concerti all'interno dello Stadio delle Palme. A dirlo è il vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Nadia Spallitta, a proposito delle esibizioni di Mika e Negramaro in viale del Fante. "Stiamo parlando di un impianto di atletica leggera e che deve essere utilizzato esclusivamente per lo sport, come stabilito dall’articolo 1 del regolamento della struttura, dunque non capisco come possa essere violato o derogato questo divieto ", ha tuonato la Spallitta. 

Il vicepresidente vicario del Consiglio ha aggiunto: "Ritengo che sia importante per Palermo ospitare concerti di rilevanza internazionale, perché si tratta di iniziative utili per il territorio sia sotto il profilo culturale che economico e turistico. Ben vengano quindi queste manifestazioni. Tuttavia non condivido la scelta dell’Amministrazione di localizzare eventi così importanti presso strutture a mio avviso inadeguate in quanto destinate urbanisticamente e funzionalmente ad altro. Trovo incomprensibile la risposta del vicesindaco che, in relazione alle osservazioni fatte dalla Prefettura, risponde personalmente che più volte lo Stadio delle Palme è stato utilizzato per attività concertistiche' e ricorda al riguardo il Palermo Jazz Festival ’90. E’ un modo per dire che il regolamento è stato già violato in passato e pertanto si può continuare a farlo? Credo sia una motivazione a mio avviso insufficiente per giustificare una reiterata violazione o deroga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi la chiusura: "Vorrei tra l’altro comprendere come si possa conciliare un concerto di questa portata, con 9 mila potenziali spettatori, con un certificato di agibilità che fino ad oggi è stato rilasciato solo per manifestazioni sportive e fino a 3.200 posti. Da ultimo spero che i concerti non arrechino danni agli impianti sportivi e ho già chiesto un chiarimento sulla congruità del canone di affitto. Per concludere ritengo che la città meriti queste manifestazioni ed è per questo che la si deve dotare di apposite strutture, anche modificando il programma triennale delle opere pubbliche, investendo le risorse necessarie per diffondere l’immagine della città e incrementare il turismo culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento