Dalla provincia con il sacco nero: "In aumento i pendolari dei rifiuti a Palermo"

L'allarme del direttore della Rap. Le aree critiche: via Galletti e via Guglielmini (lato Villabate), la zona della cosiddetta linea Parco dei Principi (lato Capaci) e le "linee di confine" con il territorio di Monreale, oltre all'ingresso di Altofonte, Villaciambra e Sferracavallo

In foto: viale Regione Siciliana ( altezza parco dei Principi)

“Durante gli interventi di svuotamento dei cassonetti da parte degli operatori della Rap si sono nuovamente verificati conferimenti anomali nelle zone a confine della città, sia a Nord che a Sud, con picchi di abbandono nei fine settimana e che creano vere e proprie discariche a sfregio del decoro e dell’immagine della città”. A dichiararlo il direttore della Rap, Roberto Li Causi che, come spiegano dall'azienda "a fronte delle importanti difficoltà organizzative, deve spesso disporre la programmazione di imponenti interventi straordinari (a carico della Rap) proprio per la pulizia delle strade che sono prese di mira dai cosiddetti  “pendolari dei rifiuti”, gli stessi che si ostinano a non voler effettuare la raccolta differenziata presso i propri comuni, preferendo l’abbandono dei loro rifiuti a Palermo, dando così ampia dimostrazione di inciviltà".

Dalla Rap spiegano: "In tale maniera, peraltro, creandosi una situazione di aumento dei rifiuti di indifferenziato, si abbassano le percentuali di raccolta differenziata mortificando ogni performance e, innalzano i costi di gestione e smaltimento di tali rifiuti indifferenziati con conseguente spreco di energia sia finanziarie che di risorse umane".

Il fenomeno “migratorio” che negli anni precedenti si attestava a circa 35 tonnellate di rifiuti al giorno (oltre alle 800 tonnellate giornaliere che produce il capoluogo), attualmente è, più che raddoppiato, attestandosi a punte di 100 tonnellate/giorno.

Le aree critiche dove insiste il fenomeno di migrazione dei rifiuti sono: a sud la via Galletti e via  Guglielmini (lato Villabate), a nord la zona della cosiddetta linea Parco dei Principi (lato Capaci). Le altre zone critiche si trovano a confine con il territorio di Monreale, nonché la linea di ingresso di Altofonte, Villaciambra e dal lato di Sferracavallo che intercetta rifiuti provenienti da Carini, Isola delle Femmine e perfino Alcamo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I mezzi giornalmente dedicati a questi interventi straordinari si attestano da 4 a 6 compattatori, con al seguito sempre una pala meccanica - chiudono dalla Rap -. Per far fronte a questa criticità, la Rap di concerto con l’Amministrazione Comunale e la Polizia Municipale, sta lavorando sulla installazione di sistemi di videosorveglianza dedicata, quale efficace deterrente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento