Mafia, 22 anni fa l'omicidio di Mico Geraci: "Ancora non conosciamo nome e volto dei sicari"

Il sindacalista della Uil, che a Caccamo aveva denunciato le infiltrazioni mafiose negli gli uffici pubblici e nella politica, fu ucciso nel 1998 davanti agli occhi del figlio. Il ricordo di Orlando: "Fare memoria significa affermare a gran voce la nostra richiesta di giustizia"

Mico Geraci

"Ricordiamo oggi Mico Geraci, il sindacalista che con grande impegno umano e professionale diede la vita per affermare i diritti dei lavoratori e per denunciare le infiltrazioni mafiose in un territorio in cui il malaffare controllava gli uffici pubblici e si mescolava con le più alte cariche politiche e istituzionali".

Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando per ricordare Mico Geraci, il sindacalista della Uil barbaramente ucciso sotto casa dalla mafia l’8 ottobre 1998 a Caccamo.  

"Ancora oggi - ha detto Orlando - non conosciamo il nome e il volto dei sicari, e fare memoria di quello che è accaduto equivale ad affermare a gran voce la nostra richiesta di giustizia e a ribadire con forza quei diritti per la difesa dei quali Geraci fu barbaramente ucciso davanti agli occhi del figlio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento