Cronaca

Trovano 200 metri di cavi di rame nella sua azienda: denunciato

Continuano i controlli dei carabinieri nelle campagne dell'entroterra palermitano: nei guai un 48enne a Mezzojuso

L'intervento dei carabinieri

Continuano i controlli dei carabinieri nelle campagne dell'entroterra palermitano. I militari della compagnia di Misilmeri hanno effettuato ispezioni in una decina di aziende zootecniche e agricole dei comuni di Campofelice di Fitalia, Mezzojuso, Marineo e Villafrati. Rastrellate le aree rurali del territorio, ricadenti nella Riserva del bosco della Ficuzza, con l’impiego di personale specializzato dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Sicilia” e dei carabinieri forestali. Perquisite anche alcune residenze.

A Belmonte Mezzagno due uomini sono stati arrestati perché possedevano un arsenale in casa. Nell’ambito della stessa operazione sono state contestate violazioni amministrative per oltre mille euro "per mancanza di microchip identificativo di animali e per detenzione di animali non registrati". Nello specifico è stato ritrovato, sequestrato e trasportato in una struttura idonea un'istrice crestata, più comunemente chiamato porcospino, inclusa tra le specie protette, che era tenuto in gabbia.

Infine, a Mezzojuso, è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione un 48enne (B.L.G. le sue iniziali) titolare di un’azienda zootecnica, in quanto all’interno della sua proprietà sono stati ritrovati oltre 200 metri di cavi di rame dei quali il proprietario non ha saputo fornire spiegazioni.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovano 200 metri di cavi di rame nella sua azienda: denunciato

PalermoToday è in caricamento