Spostamento del mercatino dello Sperone in stand-by, La Colla (PD): "Intervenire"

I lavori nella nuova area, in via Giuseppe Di Vittorio, non sono stati completati. Convocata per la prossima settimana una riunione tra i rappresentanti della II Circoscrizione, i referenti delle aziende e gli uffici competenti, per poter comprendere le reali intenzioni di tutti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nonostante nel mese di giugno 2016, durante un consiglio della II Circoscrizione, l’assessore alle Attività Produttive, Giovanna Marano, gli uffici e le società partecipate interessate, si impegnarono affinché, in tempi brevissimi, i lavori preliminari e necessari allo spostamento del mercato rionale del lunedì di via Pecori Giraldi/Funaioli, nel quartiere Sperone, venissero eseguiti (come da ordinanza sindacale emessa nel mese di marzo 2016), ad oggi solo i ¾ dei lavori sono realmente stati eseguiti nella nuova area del mercato individuata nella via Giuseppe Di Vittorio.

Per discutere di questo, lunedì 30 gennaio, presso i locali della III Commissione Consiliare del Comune di Palermo, presieduta dal consigliere comunale del Partito Democratico, Luisa La Colla, si è svolto un incontro fra la Commissione e alcuni rappresentanti della II Circoscrizione, il presidente Antonio Tomaselli e il consigliere Michele Cangelosi.

Il presidente Tomaselli ha, quindi, chiesto alla Commissione competente un ulteriore supporto, affinché non venga vanificato il lavoro fin ora svolto e si abbiano tempi certi, ponendo la giusta attenzione sui problemi di sicurezza e viabilità, soprattutto nei tratti viari che incrociano la linea tranviaria. La Commissione, prendendo atto dei problemi esposti, ha dato mandato alla presidente La Colla di decidere con quale azione intervenire. Di conseguenza, la prossima settimana, ci sarà la convocazione sia dei rappresentanti della II Circoscrizione che dei referenti delle aziende e degli uffici competenti, per poter comprendere le reali intenzioni di tutti.

A tal proposito, la presidente Luisa La Colla (Pd) ha affermato: “Appare assurdo che, nonostante sia ben chiara l’ordinanza sindacale, siano passati ben dieci mesi e ancora oggi si discuta in merito al completamento di piccole opere di manutenzione, peraltro necessarie per la tutela della pubblica incolumità".

Torna su
PalermoToday è in caricamento