rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Cronaca

Mercato ortofrutticolo, costituita la cooperativa per i servizi di facchinaggio: "Così fronteggiamo l'abusivismo"

I lavoratori, inquadrati come soci co.co.co, avranno tutele pensionistiche e assicurative: previsto un listino prezzi per le attività di carico, scarico e trasporto delle merci. Il sindaco Lagalla e l'assessore Forzinetti: "Scongiurata una potenziale bomba sociale". Argano (Associazione grossisti): "Diamo dignità a 240 operatori"

Con la costituzione della cooperativa Operatori mercati generali Palermo (Omgp), deliberata dalla Giunta comunale, viene regolarizzato il servizio di facchinaggio allo "scaro".

Le attività di carico, scarico e trasporto delle merci in entrata e in uscita dal mercato ortofrutticolo saranno garantite da 240 operatori inquadrati come soci co.co.co. dalla cooperativa presieduta Alberto Argano, nella sua qualità di presidente dell'associazione grossisti. I lavoratori in regola avranno tutele pensionistiche e assicurative. La coop Omgp si occuperà degli adempimenti fiscali e amministrativi; inoltre pubblicherà un listino prezzi dei servizi.

Con le nuove regole si punta a contrastare il fenomeno dell'abusivismo all'interno del mercato ortofrutticolo, presente da sempre fra i portantini (inutile nascondersi dietro a un dito) ed emerso con forza durante la pandemia da Coronavirus. La necessità, per ragioni sanitarie, di gestire gli accessi ha fatto esplodere la rabbia dei tanti soggetti che lavoravano in nero allo "scaro" per pochi euro, costringendo l'amministrazione comunale a chiudere i cancelli. Giorni di caos e tensioni per far metabolizzare le regole anti Covid. Ma non solo. In quei giorni si è cominciato realmente ad affrontare il tema dei collaboratori dei 70 grossisti del mercato, che trasportano le cassette di frutta e ortaggi coi loro carrelli, ed oggi si è arrivati alla costituzione della cooperativa. 

In precedenza, iI Consiglio comunale aveva approvato il regolamento sull'attività dei mercati generali (ortofrutticolo e ittico) che, prima del 2019, era disciplinata da norme datate 1964 e 1971. Le nuove regole del testo unico, però, non hanno di colpo cancellato né cattive abitudini (ad esempio sul conferimento dei rifiuti) né irregolarità o sacche di abusivismo. Ci riuscirà adesso la cooperativa che raggruppa i portantini? Il nuovo soggetto giuridico, fermo restando il controllo della polizia municipale, in base al patto con il Comune dovrà vigilare affinché le attività mercatali siano svolte esclusivamente dai soci, con obbligo di riferire alla direzione dell'ortofrutticolo eventuali attività prive di autorizzazione.

"Con la costituzione della cooperativa - sottolineano il sindaco Roberto Lagalla e l’assessore alle Attività produttive Giuliano Forzinetti - l'amministrazione comunale ha risposto alla necessità di inquadrare e regolarizzare i rapporti di puntualità e reciproca fiducia con gli operatori commerciali e i concessionari. Inoltre, la nascita della cooperativa rappresenta anche uno strumento per fronteggiare l'abusivismo all’interno del mercato ortofrutticolo, evitando che soggetti esterni possano interferire negativamente con le attività all'interno dello spazio di via Montepellegrino. Da almeno 20 anni non veniva regolarizzato questo tipo di servizio fondamentale: abbiamo disinnescato una potenziale bomba sociale, raggiungendo un risultato storico". 

Per il presidente della commissione consiliare Attività produttive, Ottavio Zacco, "finalmente si consolidano i rapporti tra i grossisti e l'amministrazione comunale e si dettano regole chiare sulla gestione dei servizi di carico e scarico e di facchinaggio. Un ringraziamento particolare va all'associazione dei grossisti guidata dal presidente Alberto Argano, che ha condiviso con l'amministrazione comunale un percorso di collaborazione e trasparenza propedeutico al rilancio del mercato ortofrutticolo".

Argano, in modo più pragmatico rispetto agli esponenti politici, pur sottolineando "lo straordinario risultato ottenuto", parla di "primo passo verso una più completa riorganizzazione dei servizi del mercato". In questo modo, aggiunge, sarà garantita stabilità e dignità lavorativa a ben 240 persone. Ma i benefici riguarderanno anche l'ordine e l'efficienza del servizio perché nel giro di poche settimane - quando la cooperativa entrerà a regime - porteremo avanti corsi di formazione del personale e sarà garantita anche una maggiore sicurezza alimentare".

"Alla base di questo successo organizzativo - conclude Argano - c’è la sinergia che si è creata con l'amministrazione comunale, che ha subito compreso l’importanza di questa riorganizzazione e ha supportato fattivamente il nostro progetto. Ringrazio il sindaco Lagalla, l'assessore Forzinetti e la sesta commissione consiliare presieduta da Ottavio Zacco che hanno reso possibile realizzare tutto in poche settimane, confermando la bontà di un metodo - quello della condivisione - che non sempre era stato possibile portare avanti in passato".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato ortofrutticolo, costituita la cooperativa per i servizi di facchinaggio: "Così fronteggiamo l'abusivismo"

PalermoToday è in caricamento