menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La rissa al mercato ittico e le coltellate contro il rivale: arrestato 32enne

In manette un palermitano con precedenti di polizia. La vittima era intervenuta in difesa del fratello, coinvolto per due volte in un'accesa discussione, ed è stata raggiunta da tre fendenti. Ha riportato lesioni tanto gravi da richiedere un intervento chirurgico d'urgenza

Avrebbe accoltellato un uomo, lo scorso 27 agosto al mercato ittico, al culmine di una lite. Con l'accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi, la polizia ha arrestato Francesco Paolo Mazzè, 32enne palermitano con precedenti di polizia.

I medici del pronto soccorso hanno capito che le ferite erano dovute a un accoltellamento e hanno allertato la polizia. Le indagini sono partite immediatamente e sono state affidate alla Squadra Mobile. Gli investigatori, dopo avere ascoltato il ferito e alcuni testimoni, hanno ricostruito l’accaduto: la vittima, nelle prime ore della mattina del 27 agosto, era andato al mercato per acquistare del pesce e aveva incontrato il fratello che era stato coinvolto in una lite con un altro passante. La vittima era intervenuta in aiuto del fratello, cercando di sedare gli animi. Tutto sembrava tornato alla normalità, ma dopo pochi minuti è scoppiata una rissa, con il coinvolgimento di più uomini.

La vittima ha nuovamente cercato di difendere il fratello, ma è stata aggredita da più persone e sopraffatta da una raffica di calci e pugni. Uno degli assalitori ha infierito su di lui sferrandogli tre coltellate al costato, alla schiena e al fianco sinistro. Lesioni tanto gravi da rendere necessario un intervento chirurgico d’urgenza. Una delle tre coltellate, sferrate con un coltello dalla lama di circa 8-10 centimetri, si è fermata a pochi centimetri dal polmone e per un caso fortuito non aveva portato a conseguenze ben più gravi. Dopo aver ricostruito i fatti,  gli agenti della Squadra Mobile nel corso delle successive settimane hanno individuato il presunto aggressore: il 32enne adesso in manette. L'uomo, della zona di Brancaccio, è stato riconosciuto per strada, fermato e portato nel carcere Lorusso di Pagliarelli. La misura cautelare è stata disposta dal gip su proposta della Procura.
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento