menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

Caos mercatini, 242 stalli revocati dal Comune: "Non pagano la Tosap, sono abusivi"

Questi i dati dei posteggi decaduti in relazione al mancato versamento della tassa per l'occupazione del suolo pubblico. Molti però continuano ogni giorno a montare le bancarelle. L'assessore Piampiano al prefetto: "Vigili da soli non ce la fanno, servono controlli interforze"

Sono 242 i posteggi nei mercatini revocati dal Suap ai venditori ambulanti non in regola con la Tosap, la tassa per l'occupazione del suolo pubblico. Questi i dati dell'attività portata avanti negli ultimi quattro bienni dall'amministrazione, che ha passato al setaccio i 1.627 stalli concessi dal Consiglio comunale.

Sulla carta quindi in 242 hanno l'autorizzazione decaduta, nei fatti però da illegali sarebbero ugualmente presenti nei mercatini rionali che giornalmente si svolgono in città. "Si tratta di venditori che non hanno pagato per due anni la Tosap: insomma, abusivi a tutti gli effetti" dice l'assessore comunale alle Attività Produttive, Leolpoldo Piampiano, che dopo l'aggressione dei due vigili urbani alla Fiera dei Morti ha annunciato il pugno duro. E al contempo ha chiesto aiuto alla Prefettura per effettuare controlli anti-abusivismo più efficaci.

"Da sola la polizia municipale - prosegue Piampiano - non ce la fa a contrastare un abusivismo dilagante. Servono controlli interforze con la regia della Prefettura". Il Comune presenterà al più presto una proposta al prefetto Antonella De Miro. Dopo i fatti accaduti lo scorso weekend, l'assessore Piampiano ha spinto il piede sull'acceleratore per porre un freno all'anarchia che finora ha contraddistinto i mercatini.

La proposta del Comune è però di cominciare da chi sta ai margini delle aree autorizzate dal Comune per il commercio sul suolo pubblico. "Stiamo parlando di quei soggetti che più di tutti creano disagi ai cittadini, perché intralciano il traffico e quasi sempre abbandonano i rifiuti per strada. Dopodiché entreremo dentro i mercatini, affinché nessuno possa dire che non vogliamo affrontare il problema degli abusivi". Il punto è che pure chi una licenza l'ha ottenuta, poi non sempre paga le tasse al Comune. In base al regolamento sul suolo pubblico, due anni di mancati versamenti della Tosap fanno decadere il posteggio. Gli uffici del Suap hanno così revocato la concessione a 61 ambulanti non in regola con la Tosap nel biennio 2014-2015, 86 nel 2015-2016, 29 nel 2016-2017 e 66 nel 2017-2018. Quest'ultime sono le licenze revocate nell'anno in corso al termine dei controlli. 

L'assessore Piampiano"Questo - tiene a precisare l'assessore Piampiano - non è il frutto di un'iniziativa che nasce oggi, ma va avanti da tempo. Per sapere però se gli irregolari montano lo stesso le loro bancarelle abbiamo bisogno dei controlli, che vanno fatti in collaborazione con tutte le forze dell'ordine".

Secondo Ottavio Zacco, presidente della commissione consiliare Attività produttiva, sarebbero più di 242 i posteggi liberi. Questo perché i dati disponibili sui mancati versamenti della Tosap si riferiscono agli ultimi 4 bienni. "E prima quanti ce n'erano?" domanda Zacco, che ha incontrato in commissione i rappresentanti di Confimprese. L'associzione che riunisce i mercatari chiede un "giubileo amministrativo", una sorta di condono di tipo amministrativo che prevede in cambio di una restituzione immediata delle licenze revocate per gli inadempimenti temporanei, il pagamento delle tasse arretrate in 48 mesi. 

"Dal mio punto di vista - conclude Zacco - bisogna partire da zero, avviando un processo di regolarizzazione e riassegnando i posti vacanti". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento