Matrimonio Tony Colombo, indaga la procura: sequestrati atti al Comune

I carabinieri hanno acquisito tutti gli atti relativi alle autorizzazioni rilasciate dagli uffici di Palazzo San Giacomo, sia per le nozze al Maschio Angioino sia per l'addio al nubilato di piazza Plebiscito

Gli sposi Tina Rispoli e Tony Colombo nel giorno delle nozze

Matrimonio Tony Colombo: indaga la procura
Interviene anche la procura di Napoli all'indomani del matrimonio tra Tony Colombo e Tina Rispoli che ha scatenato una serie di polemiche diventando un caso nazionale al pari del funerale dei Casamonica a Roma. Il procuratore di Napoli Giovanni Melillo ha delegato i carabinieri per alcuni accertamenti sull'esistenza delle autorizzazioni necessarie ai festeggiamenti che la coppia ha messo in scena in città. Gli investigatori indagano sia sulle nozze al Maschio Angioino che sui festeggiamenti di addio al nubilato a piazza del Plebiscito con tanto di palco. I militari hanno fatto visita agli uffici di Palazzo San Giacomo per acquisire tutti i documenti prodotti dal Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

Gli investigatori hanno il compito di stabilire se e quali violazioni ci siano state nel corso dei festeggiamenti (e non solo). Sotto la lente d'ingrandimento anche il contesto familiare in cui si sono svolte le nozze visto che la sposa è la vedova del boss degli scissionisti Gaetano Marino, alias “moncherino”, ucciso a Terracina il 23 agosto 2012. Da Palazzo San Giacomo continuano ad arrivare giustificazioni sull'operato del Comune. L'assessore Alessandra Clemente esulta per le multe comminate alla coppia per 32mila euro. “Abbiamo contestato ai responsabili ed all'organizzazione tutte le violazioni di legge e le sanzioni relative perché non passi il concetto che chiunque può fare il proprio comodo a Napoli infischiandosene delle regole, delle leggi e delle norme” ha scritto su Facebook [Fonte: NapoliToday].

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento