menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il mezzo della polizia penitenziaria che ha scortato il detenuto

Il mezzo della polizia penitenziaria che ha scortato il detenuto

Mafioso esce dal carcere per sposarsi alla Real Fonderia, Catania: "E' un suo diritto"

Antonino Seranella, arrestato nell'operazione dei carabinieri Alexander, ha ricevuto un permesso di tre ore. Accompagnato alla Cala dalla polizia penitenziaria: zona blindata per tutta la durata del rito. L'assessore: "Non ne sapevo nulla"

Real Fonderia "blindata" per il matrimonio di un mafioso condannato e detenuto. La cerimonia si è svolta oggi pomeriggio nella sede comunale che si trova nella zona della Cala. A sposarsi l’ex pip Antonino Seranella (nella foto a destra), che in appello ha avuto inflitta una pena a 13 anni e 4 mesi di carcere. Il 37enne, arrestato dai carabinieri nell’ambito della operazione Alexander, era considerato il braccio del boss Alessandro D'Ambrogio.

SERANELLA-2Dopo aver ricevuto un permesso dai giudici, Seranella è stato scortato alla Real Fonderia dalla polizia penitenziaria. Gli sono state concesse tre ore per permettergli di convolare a nozze con la moglie e godersi il banchetto insieme agli altri partecipanti. Dopo una "bonifica" dell’area anche gli invitati sono stati controllati dagli agenti di polizia. Poi il fatidico "sì".

L'assessore ha raccontato di non essere stato informato dell'evento dai funzionari comunali. "Sappiamo che è un detenuto autorizzato dal giudice a sposarsi fuori dal carcere e gli uffici comunali - dichiara l'assessore comunale Giusto Catania - si devono attenere alla legge. E’ un suo diritto. Non so personalmente se è un boss come non sapevo che ci fosse questo matrimonio. Va detto comunque che non è la prima volta che succede e quello della Real Fonderia è l’unico spazio disponibile per i matrimoni civili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento