Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

Stamattina i funerali di Matteo Tresa, che ha perso la vita ad appena 37 anni una settimana fa. Secondo la ricostruzione della polizia i due dipendenti bengalesi lo avrebbero colpito con un bastone reagendo a un tentativo di rapina. Gli amici: "Un ragazzo fragile che ha fatto scelte sbagliate"

Foto Giuseppe Romano

La bara portata a spalla per le vie del quartiere e decine di persone che accarezzano il feretro per dare al loro amico l'ultimo saluto. Si sono svolti stamani nella chiesa di San Nicolò all'Albergheria i funerali di Matteo Tresa, il 37enne morto nella notte tra l'11 e il 12 marzo in un minimarket di via Maqueda. Tresa, secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, avrebbe tentato di rapinare l'esercizio commerciale ma il due dipendenti - entrambi bengalesei - avrebbero reagito. Da qui una colluttazione, nella quale Tresa ha avuto la peggio dopo che - sempre secondo la polizia - i due hanno infierito sul 37enne ormai immobilizzato. 

I familiari di Matteo, gli amici, i rappresentanti delle comunità straniere che vivono nel quartiere e diversi consiglieri di circoscrizione oggi si sono ritrovati tra i banchi della chiesa per salutare quel loro amico descritto come "un ragazzo fragile che ha fatto scelte sbagliate". 

"L'intera comunità - dice il presidente della prima circoscrizione Massimo Castiglia - oggi era presente. Io ho partecipato alla cerimonia in forma privata. Era un doveroso atto di rispetto per una vita spezzata. Matteo proviene da una famiglia di onesti lavoratori e lo era anche lui fino a quando l'uso di sostanze non lo ha portato a compiere scelte sbagliate. Era un ragazzo fragile ed è compito della comunità stringersi e interrogarsi su come evitare che storie del genere possano ripetersi".

Rapinatore morto, chiesta scarcerazione per i bengalesi: dubbi sulle cause del decesso

"Matteo uno di noi" lo frase detta da tanti nel quartiere, la frase scandita anche nel corso della fiaccolata organizzata in sua memoria. "L'Albergheria - dice Castiglia - è spesso narrata in modo sbagliato, anche dalla stampa. Invece c'è una comunità sana, che affronta le questioni gravi e dolorose come questa e lavora per sostenere chi è in difficoltà. Chi non conosce la zona ha parlato di 'vendette' nei confronti dei commercianti stranieri. La comunità non vuole vendette, vuole solamente sapere cosa è successo quella sera. Ballarò anche oggi ha dimostrato il suo grande cuore. Non solo per Matteo ma anche con il pranzo per i poveri organizzato oggi alla Chiesa del Carmine e preparato interamente dai commercianti del mercato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Soccorsa in strada a Ballarò, donna di 30 anni muore prima dell'arrivo in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento