rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

La famiglia Biondo contro la serie Netflix: "Mario dipinto come un depravato e noi come dei pazzi"

Santina D'Alessandro, la mamma del cameraman palermitano morto a Madrid il 30 maggio 2013, in una lunga intervista a DonnaClick.it, attacca il documentario 'Le ultime ore di Mario Biondo': "Tutto non quadra, tu non puoi chiamarlo documentario se parti e vai in una sola direzione"

"Tutto non quadra in questa serie. Tu non puoi chiamarlo documentario se parti e vai in una sola direzione. Un documentario deve raccontare i fatti, anche le investigazioni avvenute in Italia. Non puoi intervistare gente, fare leggere soltanto la perizia del medico legale spagnolo. Dovresti fare leggere tutte le relazioni. Non viene intervistata la polizia, né il medico legale arrivato sul posto". Così Santina D'Alessandro, la mamma di Mario Biondo, il cameraman palermitano morto a Madrid il 30 maggio 2013, in una lunga intervista a DonnaClick.it, dopo l'uscita su Netflix del documentario 'Le ultime ore di Mario Biondo', stabile in top ten.

"Siamo ai primi di novembre - ha raccontato la donna -. L’ordinanza è uscita ad agosto. Mi contatta tramite whatsapp una certa María Pulido, proponendomi di fare un documentario su Netflix, che sarebbe stato visto da 200 Paesi. Io pensavo che sarebbe stata una cosa, non dico a favore, ma che avrebbero raccontato almeno i fatti, sia la versione spagnola, che quella italiana".

E ancora: "Parlo con gli avvocati e mi mandano un contratto intestato a 'The Voice Village'. Successivamente scopriamo che dietro 'The Voice Village' c’è 'Marguera Film', una società che appartiene a Guillermo Gomez Sancha, il manager di Raquel Sanchez. Lo abbiamo scoperto dopo che ho rilasciato l’intervista a dicembre a Roma, dopo che ho inviato documenti sensibili, perizie di parte, che nel documentario non vengono assolutamente menzionate".

"A fare la scoperta - ha continuato Santina D'Alessandro - è stato il criminalista Oscar Tarruella, che facendo una verifica sul suo biglietto da Barcellona a Madrid, ha notato che questo era stato pagato proprio da 'Marguera Film'. Non avrei mai dato il mio consenso sapendo che dietro c’era Guillermo Gomez Sancha".

"Io sono stata intervistata per 6 ore e con me hanno fatto taglio e cucito - ha spiegato la donna - così come con gli altri intervistati che sostenevano la tesi omicidiaria come Tarruella, Pasca ed Ercoletti. Per esempio, nella parte del documentario in cui si dice che ho trovato un foglio con un link sotto la tastiera del computer di Mario. Lei me lo ha strappato dalle mani dicendo: 'Questo link l’ho spento cinque anni fa, come ha fatto Mario a scoprirlo. Io no puta. Io no puta'. Questa parte l’hanno tolta".

"Il documentario - ha concluso la donna - è servito soltanto a infangare la memoria di mio figlio, senza prove. Nella terza autopsia sono stati analizzati i capelli di Mario, 28 centimetri di capelli, ed è emerso che mio figlio non era un consumatore abituale di cocaina, alcol o di altre sostanze. Mario viene dipinto come un depravato e noi come dei pazzi. Noi con una sentenza del giudice che dice che è stato omicidio, noi siamo pazzi e Raquel è la povera vittima, nelle mani di questa famiglia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La famiglia Biondo contro la serie Netflix: "Mario dipinto come un depravato e noi come dei pazzi"

PalermoToday è in caricamento