Cronaca Tommaso Natale

Marinella, salgono sul bus senza mascherina: l'autista chiama la polizia e viene preso a pugni

Il dipendente dell'Amat, in servizio sulla linea 614, si trova a Villa Sofia sotto osservazione con diversi punti di sutura al sopracciglio. A picchiarlo sono stati due ragazzi che erano saliti a bordo senza dispositivi di protezione. Cimino: "Episodio increscioso"

Sono saliti sull'autobus senza mascherina e quando l'autista dell'Amat glielo ha fatto notare, due ragazzi lo hanno preso a pugni.

E' stata un'aggressione in piena regola quella avvenuta alla Marinella. A farne le spese un dipendente dell'azienda trasporti in servizio sulla linea 614, che prima è intervenuto per redarguire i due uomini senza dispositivi di protezione, beccandosi una serie di parolacce; e poi, quando ha preso il cellulare per chiamare la polizia, è stato gonfiato di botte.

L'autobus in quel momento si trovava al terminale di transito e si apprestava a fare ritorno al capolinea di via De Gasperi. A bordo non c'era folla, solo qualche passeggero, che ha allertato i soccorsi. L'autista dell'Amat è stato trasportato all'ospedale Villa Sofia, dove i medici lo hanno curato con diversi punti di sutura al sopracciglio. Adesso si trova sotto osservazione. 

Queste le notizie fornite dalla società di via Roccazzo che, tramite il suo presidente Michele Cimino, ha commentato così l'accaduto a PalermoToday: "Si tratta di un episodio increscioso, in un momento particolarmente difficile a causa del Coronavirus. La sicurezza a bordo dei mezzi dovrebbe essere una priorità per tutti gli utenti e invece c'è chi non vuole rispettare le regole. Casi di questo genere rendono il lavoro degli operatori d'esercizio sempre più complicato. Spero che l'autista possa riprendersi prima possibile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marinella, salgono sul bus senza mascherina: l'autista chiama la polizia e viene preso a pugni

PalermoToday è in caricamento