rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

“Il mare e la vela dentro il Malaspina”

Prosegue la serie di incontri coi ragazzi del carcere minorile

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nel mese di luglio ed agosto la Lega Navale Italiana - Sezione Palermo Centro, nell’ambito di un programma realizzato con la Direzione dell’Istituto Penale per i Minorenni “Malaspina” di Palermo, ha incontrato i ragazzi presenti nel citato istituto di pena palermitano. Gli incontri a cadenza quindicinale, fortemente voluti dal Direttore Michelangelo Capitano, dal Presidente della L.N.I. - Sezione Palermo Centro - Giuseppe Tisci e dal sociologo Elio Lo Cascio hanno avuto quale tema la cultura marinara e nozioni di vela con particolare attenzione al rispetto ambientale, al rispetto reciproco nella convivenza forzata in spazi ristretti quali quelli della barca a vela.

Il primo incontro ha visto, tra l’altro, la proiezione di un filmato della regata Internazionale Palermo Montecarlo - Edizione 2010 - cui la Sezione LNI Palermo Centro, per la prima volta, ha partecipato con un equipaggio formato per un terzo da atleti diversabili. La proiezione del video della regata e la presenza di parte dell’allora equipaggio dell’imbarcazione “ENOCH/LNI” (c’erano Giulia di Piazza, timoniera non vedente, Fabiola Borruso, tailer, lo skipper palermitano Maurizio D’Amico) è stata molto apprezzata dai ragazzi che hanno potuto constatare come in barca la disabilità possa essere superata con spirito di gruppo ed adattamento.

Nell’incontro del 22 luglio dopo aver appreso alcune nozioni base di vela impartite dagli esperti velisti della sezione LNI, i ragazzi - una trentina - hanno provato l’ebbrezza della barca a vela posizionata all’interno del campo di calcetto del penitenziario. La Sezione, infatti, ha in uso un simulatore di vela sul quale viene montata un’imbarcazione optimist che, unitamente ad un grande ventilatore per simulare il vento, ha permesso ai ragazzi di salire in barca e provare le principali manovre di una barca a vela.

Nell’ultimo incontro, i ragazzi hanno incontrato Alessandro Di Benedetto, famoso navigatore italo - francese di origini siciliane e socio della Sezione Palermo Centro. Tra le ultime imprese di Alessandro si annovera la partecipazione a bordo di Team Plastique, a budget ridotto, all'ultima edizione del Vendée Globe, regata intorno al mondo in solitario senza scalo e senza assistenza e, per questo, considerata l’Everest della vela. Numerose sono state le domande e le curiosità che i ragazzi hanno rivolto al famoso velista che ha mostrato i video delle sue imprese e le carte nautiche originali portate con sé durante il giro del mondo.

A termine dell’incontro l’importante velista ha consegnato al vice direttore Dott.ssa Pangaro, due copie del suo ultimo libro per permettere ai ragazzi di conoscere meglio il mondo della navigazione a vela ed approfondire le tematiche trattate. Gli incontri si sono conclusi con l’augurio di buon vento, classico saluto tra marinai, e la certezza che i ragazzi seguiranno attraverso la carta stampata ed i media la partecipazione della L.N.I., per il quarto anno consecutivo, alla rinomata Regata Internazionale Palermo - Montecarlo, che si sta svolgendo in questi giorni tra Palermo ed il Principato di Monaco a bordo di “Cochina” un Beneteau First 40 del medico palermitano Piergiorgio Fabbri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il mare e la vela dentro il Malaspina”

PalermoToday è in caricamento