"Mare promesso", tavola rotonda: mostra e foto-proiezioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Propeller Club Port of Palermo rafforza il suo interesse per il fronte a mare di Palermo in intesa con la Soprintendenza del Mare, l'Assessorato dei Beni Culturali e dell'identità Siciliana, per "Il mare promesso. Palermo: la rigenerazione del fronte a mare", che si svolgerà mercoledì 17 febbraio a partire dalle 16 all'Arsenale della Marina Regia (via dell'Arsenale 144).

L'idea cardine dell'iniziativa è quella di affrontare il tema del "bello" che c'è, che c'è stato e che ci sarà nel fronte a mare di Palermo. Ciò attraverso l'analisi di quanto è già stato fatto dal Porto al Foro Italico e quanto si potrebbe realizzare per l'intera zona costiera fino ad Acqua dei Corsari.

All'incontro parteciperanno come relatori il Soprintendente del mare Sebastiano Tusa, il Presidente dell'Autorità Portuale di Palermo Vincenzo Cannatella, Maurizio Carta, Adriana Chirco, Aldo Gerbino, il Segretario dell'Autorità Portuale di Palermo Renato Coroneo, il Presidente di Salvare Palermo Rosanna Pirajno, Andrea di Napoli e Salvo Ferlito. Modereranno l'incontro Massimo Blandi, Presidente del Propeller Club Port of Palermo e Francesco Paolo Molinelli.

Le fotografie di Gioacchino Valenti sul Porto di Palermo e la Cala saranno proiettate in modo continuo durante la tavola rotonda. L'esposizione delle fotografie di Gerlando Giaccone e Giuseppe Iannello proseguirà invece fino al 2 marzo; sarà visitabile lunedì, martedì e giovedì dalle 8.30 alle 16.30, mercoledì dalle 8 alle 18.30, venerdì dalle 8 alle 14.30. A proposito della mostra i due fotografi scrivono: "Questo progetto fotografico nasce con l'intento di restituire al palermitano la bellezza di quei luoghi che fino agli anni Settanta erano ammirati da tutti, da chi viveva quel mare giornalmente e da chi visitava Palermo anche sporadicamente. Sotto il degrado, lo stato di abbandono dei luoghi, c'è ancora la bellezza di un tempo, si riesce a scorgere ancora la possibilità di un recupero. Un recupero che nelle altre città d'Europa è avvenuto con grande successo, mentre qui a Palermo stenta addirittura ad avviarsi".

L'evento è in accreditamento per la formazione continua degli iscritti all'Ordine degli Architetti e degli Ingegneri. Per informazioni è possibile scrivere a segreteria@propellerclubpa.org.

Torna su
PalermoToday è in caricamento