Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Monumenti palermitani a portata di clic: su Google la mappa dei tesori presenti e passati

Chiese, oratori, bagli, fontanelle: ci sono anche siti non più esistenti nella mappa virtuale "costruita" da Marcello Petrucci, 45enne ragioniere con la passione per la storia. Censiti finora 3.444 tra luoghi, edifici e monumenti; 125.660 le visualizzazioni in meno di un anno

Mappa monumentale storico-architettonica di Palermo

Da piazza Pretoria alla chiesa della Santissima Annunziata, che un tempo si trovava al piano del Carmine. Ci sono anche siti storici non più esistenti nella mappa monumentale di Palermo e dell'agro palermitano redatta da Marcello Petrucci, 45enne ragioniere con la passione per la storia. Una mappa in continuo aggiornamento - che finora conta 3.444 tra monumenti, chiese, oratori, bagli, fontanelle, edifici storici (quest'ultimi corredati anche di passaggi di proprietà) - consultabile gratuitamente su Google Maps. In poco meno di un anno, questa mappa virtuale unica nel suo genere è stata visualizzata 125.660 volte.

Un lavoro fatto battendo palmo a palmo la città e i suoi dintorni, per scovare anche gli angoli più nascosti. A monte, le ricerche in giro per biblioteche e archivi cittadini. Dai libri ad internet, passando per la strada. Ne ha fatta tanta Petrucci negli ultimi tre anni, da quando cioè ha iniziato questa sua impresa. "La tanto decantata Palermo città turistica, ricca di storia e cultura, manca di uno strumento fondamentale. Ossia una mappa monumentale nella quale catalogare tutto il patrimonio storico-architettonico esistente e non. Un lavoro che copre non soltanto il centro storico, ma tutte le contrade che rientrano fino all'agro palermitano: da Sferracavallo a Santa Flavia".

Un censimento condotto con una cura quasi maniacale, a beneficio di studenti, ricercatori, turisti e uffici della pubblica amministrazione. Il tutto a portata di clic: basta infatti digitare il luogo o il monumento desiderato e in pochi attimi ecco le coordinate per raggiungerlo. In alcuni casi "accompagnate" anche da brevi descrizioni, "provenienti da fonti storiche ufficiali". Ci tiene a precisarlo Petrucci che, in questo peregrinare a Palermo e dintorni ha scattato qualcosa come 120 mila fotografie.

"Credo che questa mappa, nell'anno di Palermo capitale italiana della cultura - conclude Petrucci - possa essere un contributo per tutti coloro che visiteranno la nostra città. E per quei concittadini che desiderano conoscerla meglio. Da parte mia continuerò ad arricchirla di contenuti, come un artigiano che giorno dopo giorno modella l'argilla".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monumenti palermitani a portata di clic: su Google la mappa dei tesori presenti e passati

PalermoToday è in caricamento