menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In arrivo 35 milioni per le strade provinciali: "Cantieri dove servono e tempi più brevi"

Ok dalla Regione all'Accordo quadro per la manutenzione della viabilità. Al via riqualificazioni di barriere e segnaletica, consolidamenti e rifacimento del manto stradale. L'assessore Falcone: "Saremo in grado di indirizzare le imprese aggiudicatarie dove è più opportuno intervenire"

Ok dalla Regione all'Accordo quadro da 35 milioni di euro per la manutenzione della viabilità in sette province siciliane: Palermo, Catania, Messina, Agrigento, Siracusa, Enna, Caltanissetta. L'assessorato regionale alle Infrastrutture ha aggiudicato i lavori che rientrano nel "Piano Musumeci" da oltre 100 milioni di euro, varato dal Governo regionale in primavera, per la riqualificazione e il recupero delle strade provinciali isolane.

"Grazie a questo provvedimento, tra dicembre e gennaio - commenta l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - partiranno interventi di manutenzione in almeno 40 strade provinciali della nostra Regione. Nell'Accordo quadro abbiamo inserito le riqualificazioni di barriere e la segnaletica, i consolidamenti e il rifacimento del manto stradale e altro ancora, intervenendo anche in sostituzione delle ex Province che non riescono a garantire i lavori necessari. Grazie, infatti, alla struttura dell'Accordo - sottolinea Falcone - saremo in grado di indirizzare le imprese aggiudicatarie dove è più opportuno avviare un cantiere, tagliando i tempi della burocrazia, a tutela della sicurezza e della dignità delle strade, nell'interesse dei siciliani. Prende corpo, così, il 'Piano Musumeci' di rilancio della viabilità interna in Sicilia, attraverso una omogenea distribuzione delle risorse nei territori e cantieri rapidi".


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento