menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manta gigante trovata alla Cala

La manta gigante trovata alla Cala

La manta trovata alla Cala è un esemplare raro, l'Istituto Zooprofilattico: "E' rimasta ferita"

In attesa di una necroscopia completa, sono stati già effettuati i prelievi per l'identificazione della specie. Il "diavolo di mare" pesa oltre 400 chili, è lungo 378 centimetri e largo 330 centimetri. Zava: "Tagli in testa". Seminara: "La metteremo in una teca per studiarla"

La manta ritrovata nel porticciolo della Cala è stata portata all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia. In attesa di una necroscopia completa, sono stati già effettuati i prelievi per l’identificazione della specie. Il "diavolo" di mare pesa oltre 400 chili, è lungo 378 centimetri e largo 330 centimetri. I dati biometrici, una volta rilevati, saranno inseriti nella banca dati internazionale sugli elasmobranchi (Medlem).

"Se qualcuno avesse segnalato la presenza della manta ancora in vita - dice Salvatore Seminara, commissario straordinario dell’Izs Sicilia - avremmo provato a spingerla a largo e probabilmente non sarebbe rimasta ferita. Vista l’importanza e la rarità di questo esemplare nel Mediterraneo si sta ipotizzando di poterla tassidermizzare o di metterla in una teca con un liquido per la conservazione e di utilizzarla a scopo didattico-divulgativo".

Bruno Zava, biologo che parteciperà all’autopsia, riferisce di "tagli in testa sulla manta". E aggiunge: "Sembrano più ferite provocate da colpi inferti all’animale che cercava di fuggire. Forse è stata catturata in mare e probabilmente portata alla Cala dai pescatori. Potrò essere più preciso dopo l’autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento