rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Legge di bilancio

Manovra, fondi per l'emergenza Rotoli e Lagalla commissario: dopo il balletto arriva il sì agli emendamenti

La norma annunciata dal ministro della Protezione Civile Musumeci prima viene dichiarata "inammissibile" dalla commissione Bilancio, ma poi passa l'esame. Previsto uno stanziamento di due milioni per superare il nodo sepolture

Prima viene ritenuta inammissibile e subito dopo, alla richiesta di riesame, è invece ammessa. La norma annunciata pochi giorni fa dal ministro per la Protezione civile Nello Musumeci come possibile soluzione all'emergenza sepolture ai Rotoli è al centro di un balletto in commissione Bilancio. Sono sei i commi dell'emendamento alla legge di bilancio nazionale che riguardano il cimitero palermitano "che possono ritenersi ammissibili", tra cui anche quello che prevede la nomina del sindaco Roberto Lagalla a commissario per risolvere l'annosa questione delle bare insepolte.

Tutto si è svolto in piena notte durante l'esame della manovra. Secondo quanto riferito in prima battuta dal consigliere comunale Antonino Randazzo e dalla deputata nazionale pentastellata Daniela Morfino, gli emendamenti sarebbero stati stoppati per "una violazione del regolamento". A tal proposito, gli esponenti grillini hanno parlano di "un Governo di impreparati". Ma dall'assessore al Bilancio e deputata nazionale di Fdi, Carolina Varchi, arriva la puntualizzazione: "I commi dichiarati inizialmente inammissibili alle 4, sono stati ammessi e poi votati alle 4 e 10". Dunque, approvati in seconda battuta.

Ecco quali sono i commi oggetto del "balletto", ma che alla fine sono passati. Oltre al comma che indica il sindaco Lagalla commissario di Governo, a titolo gratuito e fino al 31 dicembre 2023, per il coordinamento e l'esecuzione degli interventi urgenti necessari a superare le criticità rilevate nella gestione dei servizi cimiteriali nel territorio della città di Palermo, sono stati ritenuti ammissibili altri cinque commi. 

Il  7 che autorizza il commissario ad avvalersi delle strutture della città di Palermo e delle amministrazioni dello Stato territorialmente competenti, sulla base di apposita convenzione. L'8 che elenca i compiti cui il commissario provvede tra cui la definizione di misure semplificate per la messa in sicurezza delle strutture cimiteriali, l’acquisizione temporanea di strutture e apparecchiature per i servizi cimiteriali, la promozione di accordi con gli altri comuni della città metropolitana per acquisire ulteriori posti per la conservazione temporanea o per la definitiva sepoltura dei cadaveri. Il comma 9 che dispone i criteri cui deve conformarsi l’attività del commissario. Il comma 10 che autorizza il commissario a conferire incarichi individuali, a stipulare contratti di lavoro a tempo determinato, nel limite massimo di 5 unità ed entro il limite di spesa complessivo di euro 200.000 per l'anno 2023. L'11 che prevede un’apposita contabilità speciale intestata al commissario e il 12 che dispone la copertura per gli oneri derivanti dall’attuazione delle disposizioni relative al commissario. 

"Abbiamo predisposto una norma all'esame della commissione Bilancio, che prevede deroghe di varia natura ed una copertura finanziaria fino a due milioni di euro", aveva detto Musumeci, annunciando l'emendamento che riguarda l'emergenza sepolture nei cimiteri cittadini, Rotoli in primis.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manovra, fondi per l'emergenza Rotoli e Lagalla commissario: dopo il balletto arriva il sì agli emendamenti

PalermoToday è in caricamento