menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Uso improprio dell'immagine di papà": famiglia Borsellino contro Fratelli d'Italia

Lucia e Fiammetta contro il manifesto che pubblicizzava un incontro che si è tenuto al Comune di Podenzano, nel Piacentino. Tra gli interventi previsti quello di tre parlamentari del partito di Giorgia Meloni: "Non utilizzino nostro padre per le loro iniziative"

La famiglia di Paolo Borsellino si scaglia contro un manifesto di Fratelli d'Italia che pubblicizzava un incontro che si è tenuto ieri sera al Comune di Podenzano, nel piacentino. Tra gli interventi previsti quello di tre parlamentari del partito di Giorgia Meloni, Tommaso Foti, Wanda Ferro e Andrea Del Mastro.

"Con riferimento ai manifesti elettorali del movimento politico 'Fratelli d'Italia' che indebitamente recano l'effige di nostro padre e la dicitura 'Borsellino vive', oltre a dissociarci decisamente da questa improvvida iniziativa diffidiamo pubblicamente i responsabili del partito politico dall'utilizzare in qualsiasi forma e modo l'immagine e il nome di Paolo Borsellino", dicono i figli del giudice ucciso nella strage di via D'Amelio, Manfredi, Lucia e Fiammetta Borsellino.

"Ci riserviamo per ogni altro aspetto di adire le vie legali per l'uso improprio e illegittimo che è stato fatto dell'immagine e del nome di nostro padre", annunciano all'Adnkronos.

Così Tommaso Foti, vice capogruppo vicario di Fratelli d'Italia: "Fratelli d'Italia Piacenza non ha affisso alcun manifesto con l'immagine di Paolo Borsellino, tanto meno per  pubblicizzare l'incontro pubblico di Podenzano. Vero invece è che su Facebook, nella pagina ufficiale di Fratelli d'Italia Piacenza e nella mia, in quanto organizzatore dell'iniziativa, è facilmente reperibile  il post diffuso per pubblicizzare l'iniziativa che reca come grafica  una striscia tricolore. Ciò detto, e quindi escluso ogni e qualsiasi coinvolgimento nei fatti oggetto di diffida, siamo stati notiziati dalla stampa locale di un post modificato nel senso indicato dagli eredi Borsellino‎ postato sempre su Facebook. A riprova della nostra piena buona fede siamo intervenuti per l' immediata cancellazione. Il nostro corretto agire è dunque fuori di dubbio e siamo certi che gli eredi di Borsellino converranno con noi perché nessun utilizzo improprio dell'immagine del Giudice ci può essere addebitato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento