Sindacati in piazza contro Regione e Stato: "Serve cambio di passo"

Giornata di protesta in tutta la Sicilia. Cgil, Cisl e Uil hanno dato appuntamento a migliaia di lavoratori a piazza Verdi. Borrelli (Uil): "Il mondo del lavoro vive in un grande stato di sofferenza". Spesa pubblica, ammortizzatori sociali, Formazione e stabilizzazione dei precari alcune delle "chiavi di volta"

Sindacati a piazza Verdi (foto Facebook Cgil Palermo)

Sindacati e lavoratori in piazza per chiedere lavoro, sviluppo e legalità. Ultimo sabato di ottobre all’insegna della protesta in tutti i capoluoghi di provincia con le sigle Cgil, Cisl e Uil per lanciare l’ennesimo appello al governo regionale per “passare dalle parole ai fatti”. In migliaia si sono radunati alle 9 a piazza Verdi, di fronte al teatro Massimo, dove è stato allestito il palco e con l’apertura del comizio da parte del segretario Uil Gianni Borrelli. "Ci vuole una svolta - sostengono i sindacati - e deve essere immediata perché il mondo del lavoro siciliano vive uno stato di grande sofferenza”. L’hashtag della manifestazione è #SiciliaInEmergenza.

I sindacati hanno studiato un piattaforma per richiedere di superare l’impasse sulle Province e quella sugli interventi per le infrastrutture e per la tutela del territorio, nonché per il riordino della forestazione. “Speriamo che il Governo Crocetta acceleri tutte le procedure necessarie - ha dichiarato Franco Arena, segretario regionale di Ugo Forestali - al fine di ripartire il prima possibile, fortemente preoccupati per la comunicazione di sospensione attività dei lavoratori 151sti, 101sti e 78sti del 26/10/2015. Tutto ciò comporterà che i lavoratori non riusciranno a realizzare le giornate previste per legge. L’Ars ha approvato la norma che stanzia 16 milioni di euro per garantire circa 9 giornate lavorative”.

Nell’appello dei sindacati al Governo regionale anche la necessità di riqualificare la spesa pubblica, di attuare misure di inclusione sociale e di contrastare la povertà e finanziare gli ammortizzatori sociali in deroga, stabilizzare i precari e realizzare le riforme incompiute, come quelle della Formazione, dell’amministrazione regionale e del sistema di gestione dei rifiuti. Nel palco di piazza Verdi spazio anche agli interventi di lavoratori e studenti, prima delle conclusioni di Enzo Campo, segretario Cgil Palermo e Mimmo Milazzo, della Cisl Sicilia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Sicilia è in emergenza e Palermo - dichiarano i segretari di Cgil, Cisl e Uil Palermo Enzo Campo, Daniela De Luca, Gianni Borrelli - è una città ridotta alla crisi. Scendiamo in piazza compatti. Ci sarà chi il lavoro ce l'ha, chi l'ha perso, chi lo cerca, per reclamare a gran voce dal governo regionale e da quello nazionale un cambio di passo in direzione degli investimenti e dell'occupazione. Ci sono tanti settori che potrebbero dare un futuro a migliaia di giovani, nei quali siamo pronti ad avviare vertenze strategiche con il Comune e con la Regione: dall'edilizia scolastica alla messa in sicurezza del territorio, per frenare il dissesto idrogeologico e progettare interventi nella manutenzione delle strade. Chiediamo una programmazione con interventi straordinari per la soluzione di vertenze ormai esplosive che attendono risposte da anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento