Orlando sospende il decreto sicurezza: sit in a piazza Pretoria per sostenere il sindaco

Ad organizzarlo un gruppo pro Orlando e De Magistris nato su Facebook: "La decisione del primo cittadino è uno straordinario atto di disobbedienza civile". La replica di Salvini: "Prima dobbiamo pensare ai milioni di italiani poveri e disoccupati, sbaglio?"

Una manifestazione per sostenere Leoluca Orlando e la sua scelta di sospendere il decreto sicurezza del governo gialloverde. Il sit in si terrà domani, alle 11, in piazza Pretoria. Gli organizzatori dell'evento sono i creatori del gruppo nato su Facebook "Noi stiamo con Luca Orlando e Luigi de Magistris" che appoggia la scelta del primo cittadino.

Una decisione che ha scatenato un effetto a catena portando altri amministratori a seguire il sindaco di Palermo. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti sono tra questi.. La sospensione del decreto - in attesa di verificare se leda diritti costituzionalmente garantiti (considerato che colpisce anche persone in possesso del permesso di soggiorno per motivi umanitari) - secondo gli organizzatori è "uno straordinario atto di disobbedienza civile, una reazione estrema ma necessaria che va praticata senza esitazioni tutte le volte che è necessario". 

"Con il pretesto della sicurezza, Salvini - affermano gli organizzatori - attacca la Carta dei diritti fondamentali dell'uomo e invita a far prevalere gli istinti più bassi, parla alla pancia della gente e ne ingigantisce le legittime paure facendo sprofondare il Paese nell'odio, nella violenza e nel razzismo. La sicurezza è un diritto fondamentale, non certamente un terreno da lasciare a Salvini perché lo strumentalizzi per vantaggi elettorali causando un disastro culturale".

Salvini replica: "Ricordo a questi sindaci di sinistra che il decreto sicurezza, una legge di buon senso e civiltà, è stato approvato da Governo e Parlamento, e firmato dal Presidente della Repubblica. Prima dobbiamo pensare ai milioni di italiani poveri e disoccupati, difendendoli dai troppi reati commessi da immigrati clandestini, poi salveremo anche il resto del mondo. Sbaglio?".

Legambiente Sicilia parteciperà alla protesta. “Saremo presenti – dichiara il direttore Claudia Casa -  perché siamo convinti che il sostegno alla disobbedienza di questi amministratori rappresenta una presa di posizione netta contro la mortificazione della dignità umana e il disprezzo dei diritti che stanno a fondamento della nostra carta costituzionale”. In piazza per supportare la 'disobbedienza' di Orlando ci sarà anche Fiori di Acciaio, l'associazione che da anni si occupa di diritti. "Non è una questione politico/partitica quella che desideriamo sostenere - afferma la portavoce dell'associazione, Giulia Noera - tanto che in Sicilia il fronte contro il provvedimento è trasversale ed interessa parecchi esponenti della destra e dei 5 stelle. Semplicemente non possiamo avallare il razzismo che alimenta questo decreto 'criminogeno', come lo ha definito lo stesso Orlando, e sottoscrive una norma che impedisce l'iscrizione all'anagrafe ai migranti con il permesso di soggiorno in scadenza, come fossero cittadini di serie B". "Non ci si può occupare di diritti umani se non si conoscono culturalmente e profondamente le problematiche legate alla giustizia sociale - aggiunge la responsabile delle cause sociali dell'associazione, Giorgia Butera - Salvini dimostra quotidianamente di non comprendere la gravità delle sue azioni, non soltanto da un punto di vista istituzionale, ma anche e sopratutto umano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento