Manifestazione dei lavoratori precari della Regione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Manifestazione stamattina dei lavoratori precari della Regione. La convocazione dell’assessore al Lavoro Gianluca Miccichè non è servita a stemperare la tensione. "Ci aspettavamo delle proposte concrete, visto che la convocazione è arrivata a ridosso di una manifestazione regionale dei Lsu/Asu, indetta dal Csa-Associazione Asu Sicilia e Confintesa, ma così non è stato. La convocazione era generica, e molto confusa. Una modo di procedere che è apparso un chiaro segnale non volere trovare alcuna soluzione". Lo dicono Giuseppe Badagliacca, Vito Sardo e Mario Mingrino del Csa e Csa-Associazione Asu Sicilia dopo avere partecipato ai lavori del tavolo indetto presso l’Assessorato al Lavoro.

Dall'assessore Miccichè come ribadiscono i sindacati "non è arrivata nessuna proposta di stabilizzazione e forse si prospetta di nuovo una proroga” aggiungono i sindacalisti. "I lavoratori sono stanchi di essere sfruttati, lavorando in nero per le pubbliche amministrazioni, e pagati in ritardo, spesso per imperizia, e non si fermeranno - aggiungono i sindacalisti – e domani confermiamo la protesta davanti all’assemblea regionale. Insieme a migliaia di lavoratori chiederemo all’assessore Miccichè prima ed al presidente Crocetta dopo, di conoscere almeno le linee guida del percorso di stabilizzazione e le tempistiche".
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento