"Vogliamo vivere e lavorare in Sicilia", i giovani di Coldiretti scendono in piazza

Organizzato un corteo con partenza da piazza Marina e arrivo in piazza Indipendenza. Il delegato Giovani Impresa Sicilia, Massimo Piacentino: "Vogliono rimanere e investire nell'Isola, ma non si può fare perché prevalgono logiche incomprensibili e lontane anni luce dalla modernità"

Foto archivio

I giovani agricoltori siciliani scenderanno in piazza giovedì 14 novembre per sottolineare la "volontà di rimanere in Sicilia e lavorare in agricoltura". Il corteo, organizzato da Coldiretti, partirà alle 8.30 da piazza Marina, a per arrivare a piazza Indipendenza. 

"La Sicilia spesso viene additata come la patria dell'abbandono, i media raccontano di migliaia di giovani che hanno lasciato l'Isola nell'ultimo decennio avendo perduto ogni speranza circa il loro diritto al lavoro dignitoso e il loro diritto all'iniziativa economica privata - scrive in una lettera aperta il delegato Giovani Impresa Sicilia, Massimo Piacentino - I giovani vogliono rimanere ed investire ma in Sicilia non si può fare perché prevalgono logiche incomprensibili e lontane anni luce dalla modernità. Non possiamo più permettere questa situazione per questo scenderemo in piazza, perché la Sicilia è nostra, le risorse europee sono nostre e non di chi vuole lasciarle nel cassetto anche per incapacità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento