menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Perniciaro

Foto Perniciaro

"La Sicilia affonda, è ora di cambiare": Cgil, Cisl e Uil scendono in piazza

Il corteo si è mosso da piazza Marina diretto in piazza Indipendenza. In strada anche i lavoratori di Almaviva, gli operai Blutec e dell'ex indotto Fiat

Cgil, Cisl e Uil in piazza per la manifestazione regionale "Sicilia in lotta! Più lavoro. Più sviluppo. Più inclusione". Un corteo si è mosso da piazza Marina diretto in piazza Indipendenza, dove interverranno i lavoratori dei settori in crisi e, per il comizio, i segretari generali Michele Pagliaro, Mimmo Milazzo e Claudio Barone. In strada i lavoratori di Almaviva che vivono ore di attesa, le centinaia di disoccupati del settore del commercio, di quello edile, gli operai Blutec e dell’ex indotto Fiat, della Keller, dell’area industriale di Carini, di Fincantieri, della formazione professionale, i forestali, i pensionati.

“Non c’è settore che si salva dalla crisi ed è una condizione così esasperante perche da troppo tempo – spiegano i tre segretari di Cgil Cisl Uil Palermo Enzo Campo, Daniela De Luca e Gianni Borrelli  - mancano vere politiche economiche e sociali di sviluppo e perché le nostre richieste restano inascoltate. Il governo e la politica non sono stati in grado di arginare il crollo economico e sociale dei nostri territori che stanno vivendo, da troppi anni, una vera e propria desertificazione industriale con grosse aziende che hanno abbandonato Palermo o che sono in procinto di farlo. Manderemo un forte segnale al governo Crocetta,  è ora di cambiare”. 

"La Sicilia affonda - sottolinea il segretario generale della Uil Sicilia Claudio Barone -  e il governo regionale, sino a oggi non ha affatto nulla per evitarlo e nel frattempo si perdono o si rischiano di perdere posti di lavoro, sempre più famiglie sono in mezzo alla strada e la prospettiva per i giovani è il lavoro nero o l'emigrazione".

“La Sicilia degli ultimi anni - dice Mimmo Milazzo, segretario della Cisl regionale - ha perso tutte le scommesse. Per questo siamo qui. Per chiederne il senso al governo della Regione e alla classe politica dell’Isola. Ne prendano atto.. Mettano in conto di restituire la parola ai siciliani. A lavorare in Sicilia è solo il 25% dei cinque milioni di siciliani. E stando a Eurostat, siamo gli ultimi in Europa per tasso d’occupazione. Sono appena 1.182 i siciliani che guadagnano più di 500 mila euro l’anno contro le 250 mila famiglie in condizioni di povertà assoluta, cioè al di sotto del livello minimo di sussistenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento